24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Rugby

«La competizione non mi spaventa»

Benetton Rugby, ecco le parole del nuovo acquisto Marco Riccioni dopo quattro giorni di ritiro a Calalzo di Cadore

Rugby

CALALZO (BL) - Quarto giorno di ritiro a Calalzo di Cadore per i Leoni di coach Crowley che continuano la preparazione in vista dell’inizio del Guinness PRO14.

Doppie sessioni di lavoro per la squadra che negli scorsi giorni ha alternato allenamenti in campo al mattino a quelli pomeridiani in palestra. La giornata di ieri è stata invece interamente dedicata all’attività di team building utile ad affinare le relazioni interpersonali.

Una biciclettata da Cimabanche sino a Calalzo di Cadore, 52 km che hanno visto i Leoni biancoverdi partire uno alla volta ad intervalli di tempo regolari con l’intento di riunirsi lungo il percorso così da arrivare in un unico gruppo al traguardo.

Queste le parole del neo biancoverde Marco Riccioni sul suo arrivo a Treviso e sul ritiro a Calalzo di Cadore: “L’inserimento in gruppo nel complesso è andato molto bene, ho avuto alcune difficoltà inizialmente legate alle nuove tipologie di allenamento ma i compagni di squadra come: Zanni, De Marchi, Ferrari e Zanusso mi hanno dato una grande mano e lo fanno tuttora quando commetto degli errori in campo o ho delle indecisioni.

Il ritiro ci sta dando la possibilità di trascorrere più tempo insieme, e per me che sono appena arrivato è maggiormente utile. Inoltre anche il team building fatto ieri è stato positivo, partire da soli con l’intento di ritrovarsi lungo il percorso ed arrivare insieme al traguardo rende proprio l’idea di come normalmente si crea un gruppo.

Riguardo agli obiettivi, al momento punto di lavorare bene per migliorare sotto qualsiasi punto di vista così da acquisire maggiore confidenza quando sono in campo. Il mese di agosto sarà sicuramente importante perché mi permetterà, anche grazie alle amichevoli, di capire sempre meglio ciò che mi viene chiesto dagli allenatori.

Infine sulla competizione in squadra: “Si sente spesso parlare di competizione e quindi della possibilità di non giocare, io devo dire che con Ferrari e Pasquali ho un ottimo rapporto dentro e fuori dal campo.

Durante gli allenamenti ci sosteniamo continuamente per fare sempre meglio, poi sarà il coach a scegliere chi scenderà in campo. Inoltre vedere sia Simone che Tiziano in Nazionale Maggiore vuol dire che qui a Treviso si lavora bene nel mio reparto e questo mi rende estremamente soddisfatto della scelta che ho fatto arrivando in biancoverde.“

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

Irnè Philip Herbst
Irnè Philip Herbst

Rugby

Ecco le prime parole del giocatore del Benetton Rugby: "Felice per la chiamata di Treviso"

Herbst si presenta

TREVISO - "Quando, nel settembre del 2016, sono stato contattato dal Benetton Rugby ovviamente non potevo che essere felice, volevo a tutti i costi venire a Treviso".

un'immagine del match colo Tolone
un'immagine del match colo Tolone

Rugby

A Monigo gioca alla pari contro il Tolone e sfiora la vittoria, che sfugge proprio in pieno recupero. Vincono i francesi 29-30

Benetton a un passo dall'impresa in Coppa

TREVISO - Il Benetton indossa lo smoking nella seconda giornata di Champions Cup. E ben lungi dall’essere agnello sacrificale, contro il pluridecorato Tolone gioca il match dell’anno confermando quanto di buono fatto vedere in campionato.

Rugby

Nella seconda giornata del Trofeo Eccellenza Mogliano non completa la rimonta e torna da Reggio solo con il punto di bonus

Mogliano sconfitto a Reggio Emilia 20 a 17

REGGIO EMILIA – Sconfitta anche in terra emiliana per i biancoblù che nel secondo tempo non riescono a completare la rimonta e devono cedere per soli tre punti ai padroni di casa.


Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×