17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Oderzo Motta

«Forze dell'ordine in centro»

Le commesse di Oderzo potrebbero presentare una petizione in municipio per una maggior sicurezza nella fascia oraria tra le 19 e le 20

commenti |

ODERZO – Paura per uno scippo avvenuto di recente in Corso Umberto I a Oderzo. E così una cinquantina di commesse che lavorano in centro potrebbero chiedere al sindaco Maria Scardellato più controlli o agevolazioni per i parcheggi vicini ai negozi.

 

Lo segnala stamattina La Tribuna che ipotizza una petizione da presentare in Comune. Con la finalità di avere la presenza delle forze dell’ordine tra le 19 e le 20.

 

Il problema è relativo al percorso tra centro e il parcheggio ex Momi, passando per Piazza Rizzo, che a sera diventa terra di nessuno.

 

Tuttavia il parcheggio in Corso Umberto I costa un euro all’ora, dunque improponibile per chi lavra in centro tutto il giorno. Da qui la richiesta delle commesse: o agevolazioni per i parcheggi o più controlli la sera.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

15/06/2018

Erba alta, lunedì lavori al via

Con una comunicazione via facebook, il sindaco di Oderzo Maria Scardellato conferma che il problema sarà risolto entro una decina di giorni

immagine della news

07/03/2018

"Radioattività all'ex Caserma Zanusso?"

Se lo chiede la consigliere Laura Damo che chiede lumi a Sindaco e Prefetto con un'interpellanza da discutere nel prossimo consiglio comunale di Oderzo

immagine della news

13/02/2018

Lara Corte entra in Giunta a Oderzo

Formalizzate lunedì le dimissioni dell'ex assessore alla cultura Gloria Tessarolo. Come anticipato a dicembre, cambio nell'esecutivo

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×