16/10/2018nuvoloso

17/10/2018pioviggine

18/10/2018parz nuvoloso

16 ottobre 2018

Oderzo Motta

«Gettoni al posto dei soldi»

Marco De Blasis (Cinque Stelle) continua la battaglia contro videopoker e sale slot a Oderzo. I numeri di un fenomeno in crescita

commenti |

ODERZO – Gettoni e non soldi: questa la proposta del Movimento 5 Stelle a Oderzo. Per bocca del consigliere Marco De Blasis prova a contenere il fenomeno delle ludopatie attraverso la nuova proposta.

 

"La nostra mozione presentata e votata favorevolmente, durante il Consiglio Comunale a settembre” spiega “sia dalla maggioranza che dalla minoranza all'unanimità, ha sancito l'impegno da parte di tutti noi nel contrasto e nel contenimento del fenomeno delle sale slot nel nostro Comune”.

 

È stato approvato un regolamento proposto dalla maggioranza, che abbiamo definito "timido" in sede di dibattimento. Restiamo dell'idea che per combattere un fenomeno dilagante come quello del Gioco d'Azzardo Patologico è necessario mettere in campo tutte le risorse lecite possibili”.

 

Due soli sono i punti principali di contrasto: la distanza dai luoghi sensibili per tutte le nuove aperture e il rispetto dei nuovi orari stabiliti nel regolamento vigente, dalle 8.30 alle 22.30 per tutte, anche per quelle già esistenti sul suolo Comunale. Per quelle invece entro i 500 metri dai luoghi indicati come sensibili, come la sala a ridosso della stazione delle corriere, l'orario prevede una pausa dalle 12.30 alle 15.30.

 

“Sapevamo che le società che gestiscono le sale si sarebbero opposte a questo provvedimento con ogni mezzo. Due delle tre sale presenti nel nostro Comune hanno fatto ricorso al TAR e, notizia di questi giorni, sembra che i giudici, almeno per una, abbiano dato ragione all'amministrazione e a tutti quei cittadini che si oppongono a questa nuova piaga sociale”.

 

Ma non finisce qui. “Va assolutamente vietata qualsiasi forma di pubblicità e di incentivo al gioco, inoltre va fatta una verifica del posizionamento delle macchinette all'interno degli esercizi, in modo che non siano visibili e attrattive, soprattutto per i minori.

 

Riteniamo che molte potrebbero essere le soluzioni da mettere in atto come ad esempio sostituire i contanti con dei gettoni in modo da ottenere un maggior controllo sul fiume di denaro che circola, applicare delle regole più stringenti anche sulla promozione del gioco stesso, obbligare i gestori a richiedere al giocatore la tessera sanitaria, attuare una campagna locale di sensibilità e di educazione al gioco”.

 

 

I numeri.

 

Enorme è il giro d'affari: oltre 88 miliardi di fatturato stimato per l'anno 2015, il 4% del PIL nazionale, la terza industria italiana, 8,7 miliardi di tasse, e il 2016 sarà all’insegna della crescita a doppia cifra.

 

15 milioni sono i giocatori abituali, 2 milioni a rischio patologico, circa 800.000 i giocatori già patologici. Ad oggi solo la nostra Ulss ha già in carico 193 persone.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

16/01/2018

"Ex Caserma? Risultato della politica leghista"

Duro affondo, oggi pomeriggio, da parte del consigliere Cinque Stelle Marco De Blasis sulla questione dell'ex caserma divenuta centro di accoglienza per migranti: "Necessario affrontare il problema"

immagine della news

04/10/2017

"Questa non è una tariffa equa"

De Blasis (Cinque Stelle) critico contro l'adozione del porta a porta spinto: "Ci saranno problemi per le utenze non domestiche"

immagine della news

23/03/2017

A Oderzo in arrivo 150.000 euro

Si tratta del "bonus gratitudine" derivante dal Fondo Misisone". De Blasis (Cinque Stelle): «La giunta come li spenderà?»

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×