17 settembre 2019

Castelfranco

“La Madonnina di Nadal Melchiori va in rovina e la maggioranza boccia la mia mozione”

Il grande rammarico della consigliera (ex Lega) Grazia Azzolin che aveva presentato una mozione sulla “Castelfranco picta”.

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

CASTELFRANCO VENETO – Più che una mozione è stata una “premonizione” quella della consigliera comunale Grazia Azzolin, da poco indipendente, che aveva chiesto alla maggioranza di governo della città di tutelare la “Castelfranco picta”, vale a dire i tanti affreschi e le pitture murali antiche che decorano i palazzi cittadini. La notizia del deterioramento dell’affresco in piazza Giorgione di Nadal Melchiori ha quindi suscitato un duplice rammarico nella consigliera che aveva tentato di salvare proprio opere come questa.

“I nostri affreschi vanno in fumo e la mia (ex) maggioranza boccia la mozione per salvarli. Che tristezza – commenta Azzolin, quanto alle motivazioni del diniego spiega -. Nessuna motivazione: evidentemente a loro non interessa... mamma mia che tristezza per la nostra Città”. Dopo aver presentato la mozione aveva spiegato che: “Vari comuni hanno attivato l’iniziativa “Adotta un affresco”, con agevolazioni fiscali e riduzione d’impose ai privati che si prendono cura del restauro. Ritengo che sia nell’interesse di Castelfranco una convenzione, con i privati, per rendere ancora più attrattiva la nostra città. Nella vicina Treviso è già stato fatto”.

Purtroppo, dopo poche settimane da questo tentativo di tutela del patrimonio artistico castellano Marco Mondi ha lanciato il grido d’allarme per le sorti di uno affresco di pregio proprio nel cuore della città, in piazza Giorgione: “Degrado in piazza Giorgione: sotto i portici di piazza Giorgione se ne sta andando per sempre la Madonnina di Nadal Melchiori – ha spiegato -. Dipinta nel 1726 sulla parte interna di un pilastro del porticato di una casa in origine della famiglia Piacentini, poi acquistata dai Moletta e quindi dei Barisani, questo pregevole piccolo affresco è tornato in un miserando stato di conservazione, nonostante i recenti restauri, l’ultimo dei quali è appena del 2104”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×