08 dicembre 2019

Montebelluna

“A Pederobba una mortalità superiore alla media regionale”

Lo riporta il Servizio Epidemiologico Regionale, come ricorda il professor Roberto Fornasier parlando di cementificio

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

“A Pederobba una mortalità superiore alla media regionale”

PEDEROBBA – La presenza del cementificio a Pederobba è da tempo motivo di incognite sotto il profilo della salute pubblica, tant’è che negli anni a tal proposito si sono mossi cittadini e associazioni ma pure le istituzioni si sono attivate. Il professor Roberto Fornasier, già titolare della cattedra di Chimica organica presso la Facoltà di Farmacia a Padova, Ricercatore del CNR, professore incaricato presso l'Università degli Studi di Milano, sulla questione si dice persuaso che sia necessario accelerare i tempi delle indagini, alla luce di quanto rilevato dal Servizio Epidemiologico Regionale.

“Se informare è ancora un dovere-diritto in un sistema che non prende in considerazione i confini comunali ripropongo un piccolo riassunto del lavoro del Servizio Epidemiologico Regionale – esordisce il professor Fornasier in una sua recente nota sul web, che ci ha autorizzati a divulgare -, sulla situazione sanitaria di Pederobba e altri 7 Comuni limitrofi relativa allo studio epidemiologico dell'ULSS2 sul cementificio. Sottolineo che la stessa ULSS2 non ha ancora concluso nulla... aggiungo una riflessione sulla situazione dell'indagine epidemiologica che ULSS2 sta svolgendo su Pederobba e Comuni limitrofi interessati dalle ricadute delle emissioni del cementificio”.

“La relazione è del Servizio Epidemiologico Regionale ed è relativa a cause di morte e ricoveri ospedalieri nei 9 Comuni interessati dallo studio – precisa il professore -. Pag. 5: "Dalle analisi emerge come Pederobba presenti una mortalità generale superiore alla media regionale in entrambi i sessi... A Pederobba si osserva una mortalità per cause circolatorie maggiore rispetto alla media regionale in entrambi i sessi”. Nelle donne si osserva un tasso di mortalità superiore alla media regionale sia per malattie di Alzheimer che per le altre forme di demenza”.

“Nei Comuni contermine... è da segnalare un più elevato tasso di mortalità per malattie del fegato negli uomini e per demenze in entrambi i sessi – quindi il professor Roberto Fornasier, conclude -. È solo una parte del lavoro che dovrà essere fatto ed è in particolare l'ANALISI EPIDEMIOLOGICA DESCRITTIVA reperibile sul sito www.ser-veneto.it. Con l'augurio che Sindaco e colleghi, se non già fatto, ne prendano atto e sollecitino i lavori messi in cantiere il mese di giugno di due anni fa”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×