25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Vittorio Veneto

“I richiedenti asilo che lavorano dovrebbero essere pagati, altrimenti è una forma di sfruttamento”

Il consiglio di quartiere di Ceneda dedica una seduta ad hoc al tema dei profughi in città

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - “I richiedenti asilo che lavorano dovrebbero essere pagati, altrimenti è una forma di sfruttamento”. E’ una delle osservazioni presentate dai cittadini di Ceneda, durante il consiglio di quartiere tenutosi ieri: l’unico punto all’ordine del giorno riguardava appunto il sistema di accoglienza dei profughi in città.

 

Alla seduta era presente anche l’assessore Barbara De Nardi: il comune di Vittorio Veneto, lo scorso aprile, ha aderito al progetto Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e profughi), accodandosi a Treviso, che lo aveva avviato nel 2015. Con questo provvedimento l’amministrazione guidata dal sindaco Roberto Tonon aveva stabilito di mettere a disposizione dei profughi una casa di proprietà comunale in via Cal delle Prade.

 

In città i richiedenti asilo sono 300, su un totale di 2mila in tutta la provincia, e il comune ha attivato un protocollo per coinvolgere le associazioni in un piano di integrazione dei rifugiati. Ad aderire all’iniziativa sono state “Insieme per Ceneda”, la cui esperienza con i profughi si è però esaurita, e la “Consulta Fenderl”, dove operano 5 ragazzi.

 

L’associazione “12 ponti” ha invece messo a disposizione una casa a Savassa, dove attualmente ci sono 8 persone ospitate.

 

La situazione però non è del tutto rosea: come riportato nel verbale del consiglio di quartiere, infatti, “la Rete di Cittadinanza Solidale sostiene che la propria associazione non è stata invitata al tavolo con l’amministrazione e che invece bisognerebbe lavorare, sul tema accoglienza-integrazione, in piena sinergia”. L’associazione comprende 12 volontari operativi e 10 docenti, che si applicano nell’ insegnamento della lingua italiana.

 

E non è mancato chi ha proposto un impiego dei profughi in opere di natura forestale: sembra però che le possibilità di assunzione nella pubblica amministrazione siano praticamente nulle.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

22/11/2017

A Vittorio Veneto si dorme per strada

Il Comune non vuol saperne di creare un dormitorio. Eppure in città aumentano i ‘senza tetto’ e ‘senza patria’: rifugiati senza un ricovero

immagine della news

14/11/2017

C'è chi dorme per strada

A Vittorio Veneto aumentano i "senza tetto" e i "senza patria". Ma il comune non crea un dormitorio

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×