20/10/2018sereno

21/10/2018variabile

22/10/2018quasi sereno

20 ottobre 2018

Montebelluna

“Cerchiamo cinquanta ragazzi nati nel ‘99”

Appello dell’assessore alla cultura. Sfileranno in occasione del Raduno Nazionale degli Artiglieri a Montebelluna

commenti |

MONTEBELLUNA - Si avvicina il XXX Raduno Nazionale degli Artiglieri che si terrà a Montebelluna con inizio il 21 giugno ed il cui clou sarà domenica 24 giugno con la sfilata. Per dare risalto ed onorare quei ragazzi nati nel 1899 e mandati in guerra a difendere una patria che nemmeno conoscevano, si è pensato ad un momento che sicuramente non passerà inosservato e sarà ricco di emozioni. 

 

Gli Artiglieri, organizzatori insieme al Comune di Montebelluna dell’evento, hanno pensato di rendere onore a questi ragazzi facendo sfilare i ragazzi nati nel 1999, esattamente cento anni dopo. Un gesto simbolico, ma che vuole essere evidenza di un percorso di cento anni di storia che vede, grazie al sacrificio di tanti, troppi ragazzi, dare al nostro paese la possibilità di essere quello che è ora l’Italia. A loro verrà dedicato un momento della sfilata.

 

“E’ uno straordinario progetto il cui valore si radica nella memoria di chi per la pace ha sacrificato la propria vita - spiega l’assessore alla cultura, Debora Varaschin (in foto) -. Quelli mandati erano ragazzi, costretti al sacrificio. Con questa iniziativa cerchiamo di creare un momento che sarà ricordato nella storia dei Raduni. Per questo cerchiamo almeno cinquanta ragazzi disposti ad investire quattro ore del loro tempo per partecipare alla sfilata di domenica 24 giugno”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×