22 settembre 2019

Vittorio Veneto

“Noi commercianti siamo stati traditi”: un (ultimo) appello per salvare il commercio vittoriese

Dopo l'accordo per il futuro del Victoria Sport, il destino del commercio torna sotto i riflettori

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - “(Noi) commercianti traditi”: sembra il titolo di un libro o di un film, e invece è soltanto l’ultimo appello degli esercenti vittoriesi. Dopo l’approvazione dell’accordo sul futuro del Victoria Sport, il destino del commercio è tornato sotto i riflettori.

 

L’autore del post, via Facebook, è Michele Toffoli, commerciante e candidato sindaco alle prossime amministrative.

 

“Traditi ancora una volta i commercianti, tessuto economico, ma soprattutto la città. Nessuno pensa mai cosa c’è dietro un esercizio commerciale: piccoli imprenditori che lottano ogni giorno, famiglie dipendenti che lavorano e mantengono figli, e la filiera continua fino ad arrivare alle aziende fornitrici che in mancanza di negozi da rifornire dovrebbero di conseguenza ridurre i dipendenti”.

 

“Ma soprattutto l’amministrazione dimentica che la colonna vertebrale di una città sono i negozi di vicinato, che oltre a tenere viva, sicura, pulita ed attiva la città concorrono con le tasse e balzelli vari a mantenere la cassa comunale – continua Toffoli -. Senza dimenticare il flusso di clienti e visitatori che generano e che in città spendono. L’unico spazio commerciale che serve è in centro città, dove non ci sono più servizi per anziani, disabili o chi non può utilizzare l’auto per fare la spesa. Ma si sa, è più facile girare la testa dall’altra parte e far finta di non vedere”.

 

Toffoli sostiene addirittura che, per un campo da rugby e un posto per la farmacia, “si è svenduta una parte del futuro della città”.

 

L’area ad uso commerciale passa dall’attuale 20% al 23% del volume del Victoria Sport, ma senza che ci sia nessun vincolo legato al settore merceologico dello sport. Il tutto mentre in un’altra struttura, l’ex lanificio Torres, potrebbe sorgere una nuova area commerciale cittadina. “Vorrebbero rifilarci l’ennesimo ipermercato commerciale”, commenta Toffoli.

 

Che per l’ex lanificio ha un’altra idea: “In quell’area si pensi ad edificare un albergo piuttosto, di dimensioni medio-grandi, visto la carenza di posti letto”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×