La “Vendemmia degli Abbracci"

Prosecco & Solidarietà con la cantina “Le Manzane”

C’è una bicicletta speciale che si chiama Hugbike, una bicicletta solidale che si guida con un “abbraccio”, come dice il suo inventore, e che sarà protagonista della festa, giunta ormai alla 5.a edizione, dal titolo “Vendemmia solidale, festa e beneficenza nella Terra del Prosecco Superiore” che la famiglia Balbinot dedica quest’anno, domenica 11 settembre, alla Fondazione Oltre il Labirinto Onlus e al tema dell’autismo.

La Hugbike nasce dal sogno di un padre che desiderava fortemente pedalare con il figlio autistico - ci racconta Mario Paganessi, direttore e fondatore di Oltre il Labirinto e papà di Gianpietro - per questo ho creato questo speciale tandem in cui il guidatore “abbraccia” nel vero senso della parola da dietro il passeggero, con tutte le valenze simboliche che porta con sé questo gesto dell’adulto nei confronti del figlio autistico. Il prototipo è stato assemblato dai ragazzi della Fondazione Oltre il Labirinto sotto la supervisione di tecnici specializzati, perché la nostra è una terra dove il ciclismo ha un grande valore sociale!

E di forte valore sociale e simbolico è la festa della vendemmia che Ernesto Balbinot e Silvana Ceschin organizzano da anni nella loro azienda “Le Manzane” che diventa, per un giorno, casa di tutti gli “uomini e donne di buona volontà”. Una festa dove i valori tradizionali dello stare assieme e del condividere diventano l’orologio di una giornata unica e indimenticabile a cui hanno dato l’adesione anche la campionessa mondiale di pattinaggio artistico Silvia Marangoni e l’ex ginnasta Igor Cassina, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Atene 2004.

Una grande festa aperta a tutti – è l’invito di Silvana ed Ernesto, i padroni di casa - per godere di questa energia di settembre e per sostenere una buona causa, rinnovando un appuntamento con la solidarietà che torna per il quinto anno consecutivo.

Quest’anno, infatti, i fondi ottenuti durante la giornata di raccolta dell’uva saranno devoluti alla Fondazione Oltre il Labirinto per l’acquisto di queste speciali biciclette… le Hugbike, le “bici dell’abbraccio!

Ed ecco il ricco e variegato programma: si comincia alle 9.30 con la raccolta dell'uva lungo i filari, fino alle 11, momento in cui ci si rilassa in compagnia, sorseggiando un calice di Prosecco Superiore e degustando gli speciali "Cicheti dorati dell'Adriatico" del Ristorante Ca’ Del Poggio. Musica dal vivo e spettacoli di giocoleria completano la giornata fino alle 16.00 con una ghiotta merenda all’interno di un percorso guidato in cantina.

L’anno scorso oltre 400 persone, munite di forbice e cassetta, hanno preso parte alla raccolta manuale delle uve al fianco dei nostri viticoltori – continuano Silvana ed Ernesto - condividendo il piacere di una giornata all'aria aperta dove energia e gioia ben si sposavano con il suggestivo panorama delle colline del Prosecco.”

Il contributo di partecipazione alla manifestazione di 15,00 euro, bambini esclusi e compreso il pranzo, sarà interamente devoluto alla Fondazione Oltre il Labirinto Onlus per l’acquisto delle speciali “Biciclette dell’Abbraccio” con l’augurio - conclude Silvana – che tanti genitori e figli riescano vivere con maggiore gioia le difficoltà della loro vita.”

I posti sono limitati e su prenotazione. Per le iscrizioni contattare lo 0438 486606 o scrivere a info@lemanzane.it  Scopri tutto il programma e le info.

hashtag #lavendemmiadegliabbracci

 

Le foto 1,3,4,5,6 sono tratte dal web de "Le Manzane". La foto 2 è dell' Associazione Oltre il Labirinto

 



foto dell'autore

Omar Lapecia Bis
Insegnante di Gastronomia presso IPSSAR Beltrame di Vittorio Veneto

SEGUIMI SU:

 

Commenta questo articolo


Agenda

Dello stesso argomento

In collaborazione con:

Con il supporto di:

Scrivi a Treviso a Tavola:

Scrivi alla Redazione Segnala un Evento

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×