21 agosto 2019

Montebelluna

10 milioni l’anno per riparare le perdite degli acquedotti

La società Alto Trevigiano Servizi, gestore del servizio idrico integrato di buona parte della Marca e non solo conta di decurtare del 3% l’anno le perdite

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Pierpaolo Fioran

MONTEBELLUNA – ATS sta investendo grandi risorse economiche per adottare misure tecnologiche avanzate al fine di ridurre le perdite sulla sua rete idrica. Una scelta particolarmente lungimirante che è destinata a dare nel tempo risultati davvero importanti. Di questi giorni un importante convengo per gli addetti ai lavori, promosso da Alto Trevigiano Servizi, al Museo di Santa Caterina a Treviso, dal titolo “Utilis italian innovation summit – Future of lead detection today”.

La società che ha sede a Montebelluna potrebbe arrivare a decurtare le perdite del 3% ogni anno, un dato che per i settore idrico è davvero degno di nota.

 

Nel corso dell’incontro l'amministratore delegato di Alto Trevigiano Servizi, Pierpaolo Florian, ha illustrato sinteticamente ciò che fa della società trevigiana, una realtà all’avanguardia a livello internazionale: “Oggi diamo l’opportunità ai gestori del servizio idrico integrato di toccare con mano le tecnologia più innovative per la ricerca perdite. Una tecnologia che ATS ha sperimentato l’anno scorso effettuando tre foto rilievi satellitari nel proprio territorio e investendo mezzo milione di euro che ha consentito di riparare decine di perdite. Attraverso questa tecnologia e altre tecnologia innovative ATS prevede di investire 10milioni di euro ogni anno sulla sostituzione della propria rete infrastrutturale consentendo quindi di ridurre di un 2 o 3 %, ogni anno le perdite della propria rete”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×