18/11/2018sereno

19/11/2018variabile

20/11/2018pioggia

18 novembre 2018

Mogliano

12 mesi di chemio e sofferenza raccontati attraverso le foto di Rony

Il coraggio della 39enne di Casale sul Sile

commenti |

CASALE SUL SILE - “Sono qui per dirvi che non dovete avere paura della parola cancro, perché quando perderete la paura di questa parola riuscirete a stare vicini ai malati di cancro che hanno tanto tanto bisogno dei propri cari. Mi rivolgo poi alle donne che hanno subito una mastectomia a causa di un tumore: non abbiate paura di guardarvi allo specchio perché siete bellissime. Siamo bellissime. La nostra bellezza non è nel nostro seno, la nostra bellezza è dentro di noi”.

 

Parla così Rony Schroder, 39 anni, trevigiana di Casale sul Sile che due anni fa ha subito una mastectomia per un cancro al seno. Durante il difficile periodo delle chemio ha accettato di raccontarsi attraverso le foto scattate nel corso dei 12 mesi di cure da Alfio Dal Poz, operatore sanitario di “Casa dei Gelsi” con la passione per la fotografia.

 

 

1300 scatti che sono serviti per estrapolare le 18 foto che compongono la mostra fotografica itinerante “Incontrando la vita” che verrà inaugurata domenica 11 novembre nella sala polivalente di Monastier. L’evento è stato organizzato dall’associazione “Un Giro in Piazza” di Monastier e rientra nell’ambito de “La settimana Rosa”, che prevede domenica mattina 11 novembre alle ore 8.30 la prima edizione della “Camminata in Rosa”.

 

“Le persone ammalate di cancro spesso rimangono da sole, c’è sofferenza dentro alla stanza del malato”, racconta Giuliana Menegaldo dell’associazione “Un giro in Piazza” e infermiera delle cure palliative alla “Casa dei gelsi” a Treviso. Le persone ammalate hanno bisogno di noi. È per questo che abbiamo voluto a tutti i costi che questa mostra arrivasse, dopo Treviso, anche a Monastier. Un modo per dire alla gente che non deve spaventarsi della parola tumore. E’ solo perdendo questa paura che si riuscirà a stare vicini alle persone ammalate di cancro”.

 

“Durante tutto l’anno in cui abbiamo scattato le foto che raccontano la malattia, ho sempre visto Rony sorridente - dice il fotografo Alfio Dal Poz - nonostante stesse vivendo momenti veramente difficili. Con queste 18 foto Rony dimostra che si può guarire dalla malattia; ciò che è importante è avere sempre qualcuno a fianco che ti aiuti”.

 

Leggi altre notizie di Mogliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×