17 novembre 2019

Vittorio Veneto

2 Billa chiusi. 24 lavoratori a casa

Incontro tra sindaco e sindacati per sanare la situzione

commenti | (10) |

commenti | (10) |

VITTORIO VENETO - Vittorio Veneto ha due supermercati in meno. I Billa di Costa e di San Pietro e Paolo hanno chiuso i battenti e i 24 lavoratori sono rimasti a casa. Per loro, è scattata la cassa integrazione straordinaria per i prossimi 12 mesi. Un incontro tra sindacati e sindaco si è svolto in Municipio martedì mattina. Il primo cittadino, Gianantonio Da Re, ha annunciato che cercherà di darsi da fare per sensibilizzare le aziende del vittoriese a integrare gli ex dipendenti dei Billa.

 

"È la prima volta  - ha spiegato Edoardo Dorella di Fisascat-Cisl -  che come sindacato affrontiamo una procedura nel settore della distribuzione organizzata che prevede la chiusura dei punti vendita con l’abbandono della piazza, e non la cessione ad altri operatori, segno che questa crisi sta cambiando gli equilibri di mercato che finora sembravano certi".

 

Dopo due mesi di incontri, i sindacati si sono comunque detti soddisfatti dei risultati raggiunti. Chi riuscirà a trovare un altro lavoro, potrà beneficiare della mobilità per sei o otto mesi. Per i lavoratori rimasti a casa, sono inoltre previsti percorsi di riqualificazione. Per qualcuno, ci sarà la possibilità di un reinserimento in altri punti vendita della catena.

 

 

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×