29/06/2017piovaschi e schiarite

30/06/2017parz nuvoloso

01/07/2017possibile temporale

29 giugno 2017

Italia

Il 2016 sarà l'anno dei ponti: con 7 giorni di ferie, un mese di vacanza

commenti |

Se dovete ancora riprendervi dal rientro dalle ferie estive e non vedete l'ora di prendevi qualche giorno di pausa dal lavoro, per il 2016 potete trarre un sospiro di sollievo, grazie alle festività e ai conseguenti ponti che si annunciano ricchi per il nuovo anno. Dando un'occhiata al calendario, sette giorni di ferie permetteranno di stare lontano dall'ufficio per un mese. Un'utopia? Non proprio, visto che molte festività cadranno a ridosso del weekend.

 

Per approfittarne, basta fare due calcoli e programmare in largo anticipo le vacanze. L'anno nuovo si apre infatti con un venerdì (Capodanno), subito seguito dall'Epifania (mercoledì 6 gennaio) che con due giorni di ferie (giovedì 7 e venerdì 8) vi permetteranno di lavorare solo 2 giorni su 10.

Un altro esempio? Il 28 marzo (Pasquetta) o il 25 aprile, che cadono entrambi di lunedì. Anche a giugno, con la festa della Repubblica di giovedì, basterà chiedere mercoledì 1 e venerdì 3 come giorni di ferie per godere di ben cinque giorni di vacanza, ideali per ritagliarsi una piccola vacanza all'estero

 

Anche la fine del 2016 promette lunghi ponti, come quello di martedì 1 novembre (se prendete un giorno di ferie lunedì 31 ne otterrete 4 di vacanza) e dell'8 dicembre (l'Immacolata) che cade di giovedì. Basta chiedere solo venerdì 9 di ferie e potete assicurarvi un'altra vacanza di 4 giorni.

Con sette giorni di ferie potrete così ottenere un mese di vacanze. Semplice no?

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×