21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

23/10/2017quasi sereno

21 ottobre 2017

Sport

In 400 per la festa dello sport

A Maserada i protagonisti sono i bambini delle primarie

Altri Sport

la festa dello sport di Maserada

MASERADA - Successo per la festa dello sport "We Love Sport" di Maserada di qualche giorno fa, giunta alla sua ottava edizione.

Tante le postazioni presenti, dal calcio alle arti marziali, presente l’Energym Bremas per promuovere il volley, il Maserada Baseball, il taekwon-do del Maestro Pelloni, il Basket Spresiano-Maserada, il ciclismo Zuliani, il Tennis dello Sporting di Vacil, il rugby Villorba, l’hip-hop e zumba dell’Energym Eventi; più di 15 discipline per far conoscere ai bambini del territorio le tante attività’ che nel corso dell’anno praticheranno nell’ora di motoria.

Il progetto prevede anche un laboratorio didattico culturale ed associativo.

Presente le Dirigente scolastica Paola Bortoletto che ha portato il suo saluto agli alunni di tutti i plessi, ossia Maserada, Varago, Candelù.

L'organizzazione e la direzione del progetto motorio è stata seguita da Vincenzo Balzano che in questi 10 anni, insieme agli assessori allo sport Davy Ruffoni e Silvano Polo ha fatto crescere il movimento sportivo locale.

E spiega: "Sono molto soddisfatto di questo progetto, e’ sempre difficile coordinare tante persone e tantissime discipline.

Ringrazio tutti coloro che mi hanno dato fiducia, dal primo dirigente Sandro Corradini, all’attuale dirigente dell’Istituto Comprensivo di Maserada sul Piave Paola Bortoletto.

Grazie alle società che con il proprio impegno hanno reso possibile questo progetto.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×