17 novembre 2019

Cronaca

"42 persone sono allo stremo, sbarchiamo a Lampedusa". La decisione di Sea Watch

commenti |

commenti |

"Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo". Ad annunciarlo sui social è Carola Rackete, comandante della Sea Watch 3 che ha deciso di sbarcare i migranti a bordo senza alcuna autorizzazione da parte delle autorità italiane e il divieto del ministero. "In 14 giorni nessuna soluzione politica e giuridica è stata possibile, l’Europa ci ha abbandonati. La nostra Comandante non ha scelta" è il commento della Ong.

Una motovedetta della Guardia di Finanza e una della Guardia Costiera, come apprende l'AdnKronos, stanno raggiungendo la nave per intimare l'alt all'imbarcazione dopo l'annuncio di voler superare le acque territoriali: le due motovedette chiederanno alla Sea Watch di fermarsi. In caso contrario, al suo arrivo a Lampedusa, la nave della Ong rischia il sequestro amministrativo.

SALVINI - "L'immigrazione non può essere gestita da navi fuorilegge - scrive il ministro dell'Interno su Twitter - : siamo pronti a bloccare qualunque tipo di illegalità. Chi sbaglia, paga. P.S. L’Europa? Assente, come sempre".

L'intenzione del Comandante di sbarcare a Lampedusa era stata chiara fin dalla mattina con la pubblicazione di un 'post appello' sui profili social della Ong: "Sono responsabile per le 42 persone salvate in mare e che non ce la fanno più. Le loro vite sono più importanti di qualsiasi gioco politico" ha scritto Rackete, seguita dal commento della Ong, che ha contestualmente lanciato una raccolta fondi. "Se il nostro capitano Carola segue la legge del mare, che le chiede di portare le persone salvate in un porto sicuro, potrebbe affrontare pesanti condanne in Italia. Aiuta a difendere i diritti umani, condividi questo post e fai una donazione per la sua difesa legale".

Martedì la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha rigettato il ricorso presentato dalla Sea Watch per ottenere l'autorizzazione allo sbarco in Italia. "Abbiamo comunicato ai naufraghi la decisione della Corte di rigettare il ricorso - si legge in un tweet di Sea Watch -. Sono disperati, si sentono abbandonati. Ci hanno detto che la vivono come una negazione, da parte dell’Europa, dei loro diritti umani".

MEDITERRANEA - Intervistata da AdnKronos, la portavoce della Ong Mediterranea Alessandra Sciurba commenta la decisione di Strasburgo: "Quella della Corte europea dei diritti dell'uomo è una sentenza alla Ponzio Pilato: non è uno schiaffo alle Ong come vorrebbe il governo, però non è coraggiosa. Pone un problema di giurisdizione, ma dice all'Italia di dare assistenza alle persone che sono a bordo della nave".

SOS MEDITERRANEE - "Il diritto internazionale sancisce il soccorso in mare a chi è in difficoltà. Il salvataggio finisce quando tutte le persone soccorse sbarcano in un porto sicuro. L'Ue crei un sistema condiviso di porti in cui si può sbarcare. Non è possibile che le persone rimangano per tanto tempo in mezzo al mare" dice all'AdnKronos Isabella Trombetta, portavoce 'Sos Mediterranee'. "Quel che farà la Sea Watch lo deciderà la Sea Watch, noi abbiamo sempre rispettato il diritto internazionale".

MEDICI SENZA FRONTIERE - "La decisione della Cedu non esonera i governi dalla responsabilità di trovare soluzioni adeguate. L’impasse politica tra i Paesi europei e la loro incapacità di mettere la vita delle persone al primo posto è ancora più scioccante oggi mentre i combattimenti continuano a imperversare a Tripoli. Nessuna persona soccorsa in mare dovrebbe passare dei giorni in attesa dello sbarco sulla terraferma. Ancor meno se si tratta di uomini, donne e bambini appena scappati da centri di detenzione in un Paese in guerra dove, secondo il diritto internazionale, non dovrebbero mai essere riportati", commenta all'AdnKronos 'Medici Senza Frontiere'. "La realtà e l’ultimo caso di Sea Watch 3 ci dimostra però come purtroppo stiamo assistendo sempre più spesso alla negazione dello sbarco in un porto sicuro".

DECRETO SICUREZZA BIS - "Salvare vite in mare non è un crimine, bensì un obbligo legale che gli Stati dovrebbero avere come priorità. Tuttavia il messaggio che viene dal governo italiano e da quelli europei va in un’altra direzione: l’assistenza umanitaria non è la benvenuta ed è perfino ostacolata. Come nel caso del Decreto sicurezza bis con il quale il governo italiano continua a colpire chi vuole salvare vite in mare, mettendo ancora più a rischio la vita di persone vulnerabili in cerca di sicurezza. Multare il comandante di una nave di ricerca e soccorso - conclude Medici Senza Frontiere - è come sanzionare il personale di un’autoambulanza che porta i pazienti in ospedale".

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×