25/11/2017pioggia

26/11/2017pioviggine

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Esteri

500 italiani bloccati a Istanbul: "Siamo allo sbaraglio"

commenti |

"Siamo stati lasciati per giorni allo sbaraglio. Non c'era nessuno al gate a cui chiedere informazioni e bisognava fare ore di coda in biglietteria e in dogana prima di poter uscire dall'aeroporto". Così racconta all'AdnKronos uno dei 500 italiani rimasti bloccati allo scalo di Istanbul a causa della violenta nevicata che si è abbattuta sulla città turca. Da venerdì scorso sono ormai diverse centinaia i voli interni e internazionali che sono stati cancellati a causa del maltempo, causando notevoli disagi a tutti coloro che dovevano rientrare in patria dopo un periodo di vacanza all'estero.

Tanti i messaggi lasciati sui social in questi giorni dagli sfortunati viaggiatori, indignati soprattutto per la mancanza di informazioni e assistenza da parte della compagnia aerea Turkish Airlines. "Perché non fate un semplice annuncio così le persone possono prendere una decisione?", si chiede polemico un utente, "Durante un viaggio non mi sono mai sentito così trascurato", si lamenta un altro in un tweet. E ancora, "Siamo bloccati in 10 al confine con Aleppo - racconta una passeggera - la Turkish Airline ci ha lasciato qua da sabato senza notizie sul nostro rientro. Aspettano che diventiamo il prossimo obiettivo di qualche invasato?"

Su Facebook un amico di alcuni turisti italiani bloccati in Turchia ha anche lanciato un appello per dare visibilità alla notizia e trovare una soluzione quanto prima: "URGENTE: A TUTTI I GIORNALISTI IN ASCOLTO! Sta scoppiando un casino immenso all'aeroporto di Istanbul. Migliaia di passeggeri accampati da giorni in condizioni disumane, tutto bloccato, decine di voli cancellati. Tanti italiani. C'è anche un mio amico, con bimbe piccole. La situazione è degenerata, sta cominciando a crescere la tensione, scene di violenza. Bisogna rivolgersi alla Farnesina". "Ora sembra che la situazione sia in via di risoluzione - ha raccontato un passeggero ancora a Istanbul - La situazione meteo è migliorata e i voli hanno ricominciato a partire". Versione confermata anche da fonti della Farnesina, precisando che "la vicenda è in via di lenta risoluzione con il progressivo miglioramento delle condizioni climatiche".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 21 / 30 novembre 2017

DOVE SVENTOLA BANDIERA NERA

L’archeologo vittoriese Alberto Savioli lavora in Siria e in Iraq. A due passi dall’Isis

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×