24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

24 settembre 2017

Montebelluna

60mila euro da Regione per la ciclabile di Contea

Delibera di giunta con cui vengono finanzianti interventi già realizzati

commenti |

MONTEBELLUNA - È di questi giorni la notizia che la Regione Veneto ha assegnato al Comune di Montebelluna un contributo per interventi idi risanamento dell'atmosfera.

Si tratta di un finanziamento previsto dalla Deliberazione di Giunta regionale 886/2016 con cui vengono finanziati interventi già realizzati.

“Assieme a pochi altri Comuni del Veneto, Montebelluna è stata ritenuta meritevole di contributo, ottenendo il massimo importo erogabile, cioè 60mila euro – commenta l'assessore ai lavori pubblici, Michele Toaldo -. Il contributo sarà impiegato per coprire le spese già sostenute per la realizzazione della pista ciclopedonale di Via delle Piscine, i cui lavori si sono compiuti lo scorso anno”.

 

Si ricorda che l'intervento aveva avuto un costo complessivo di 200mila euro. Esso si era aggiunto a quello già realizzato nel 2008 che aveva interessato il tratto a nord da via Castellana fino a via delle Piscine.

Il secondo tratto ha interessato i 420 metri che vanno da via delle Piscine, dall’imbocco al parcheggio delle piscine, fino all’intersezione con via Cavarer. Anche in questo caso la pista è stata realizzata sul versante nord, in continuità con l’esistente.

Il tratto ad est è stato realizzato in asfalto, mentre quello ad ovest, dopo l’incrocio con via Contea, occupa il canale di scolo, garantendone le funzionalità con tombinamenti, ed è stato realizzato con materiale stabilizzato.

 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×