23/09/2017variabile

24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

23 settembre 2017

Nord-Est

Accoltellato tunisino, arrestati tre suoi connazionali

commenti |

PADOVA - I carabinieri del nucleo operativo e della Compagnia di Padova hanno arrestato tre fratelli di origine tunisina per il tentato omicidio di un loro connazionale, ieri sera nel parcheggio di un locale di Padova, e la rapina ai danni di due donne.

 

Il ferito è un 29enne con piccoli precedenti per spaccio. Gli aggressori hanno aspettato la vittima nel parcheggio e, dopo una breve discussione, lo hanno accoltellato in più parti del corpo, volto, testa, schiena e braccia.

 

A dare l'allarme sono state due amiche del tunisino, anche loro malmenate e rapinate del cellulare, perché hanno tentato di difendere il trentenne, e i posteggiatori del locale.

 

Ai carabinieri hanno descritto i volti degli aggressori e il modello dell'auto sulla quale sono fuggiti. Grazie alle testimonianze, gli investigatori hanno rintracciato ieri sera i tre, risultati poi fratelli, in due appartamenti del centro storico di Padova.

 

Durante le perquisizioni sono stati scoperti indumenti sporchi di sangue e uno dei telefoni cellulari sottratto alle accompagnatrici della vittima, oltre a cinque coltelli, cinque telefoni e 1490 euro in contanti.

 

Non si conosce ancora il movente. Gli aggressori conoscevano da tempo il loro connazionale ed è probabile che dietro il tentato omicidio ci siano questioni non risolte legate allo spaccio di droga.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×