20/08/2018quasi sereno

21/08/2018sereno

22/08/2018quasi sereno

20 agosto 2018

Oderzo Motta

Accusata di frode in commercio, assolta

La legale rappresentante di una nota birreria in comune di Ponte di Piave si era opposta al decreto penale di condanna. Il giudice le ha dato ragione

commenti |

PONTE DI PIAVE - Accusata di vendere una birra per un’altra, è stata assolta perché il fatto non sussiste.

L’episodio è accaduto in una birreria all’epoca a Busco di Ponte di Piave.

Durante un controllo nel 2014, le Fiamme Gialle avevano verificato che, al posto della birra artigianale, erano attaccati alla spina fusti di un'altra marca.

Nei confronti della legale rappresentante era stato emesso un decreto penale di condanna con l’accusa di frode in commercio. La donna si oppose.

Nei giorni scorsi, come riporta la stampa, si è concluso il processo. La donna è stata assolta perché era emerso che nel locale era stata data ampia pubblicità al cambio di etichetta
 

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×