25/05/2018quasi sereno

26/05/2018parz nuvoloso

27/05/2018quasi sereno

25 maggio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Aggressioni sul bus, l'ira delle opposizioni

Rammarico per la sottovalutazione del fenomeno: "Dov'è l'amministrazione Soldan?"

Roberto Silvestrin | commenti |

PIEVE DI SOLIGO - Continuano gli episodi di violenza sugli autobus, e le opposizioni chiedono il pugno di ferro. I gruppi “La tua Pieve”, Lega Nord e “Forza Pieve” hanno espresso la loro delusione riguardo alle dichiarazioni all’assessore Roberto Menegon nello scorso consiglio comunale, secondo le quali il problema del teppismo sui mezzi pubblici – soprattutto lungo la tratta tra Conegliano e Pieve di Soligo - sarebbe stato risolto dall’operato della maggioranza.

 

“E’ di questi giorni la notizia che, invece, il problema non è affatto risolto ma, anzi, elevato a livello della recrudescenza del fenomeno” spiegano le minoranze, facendo riferimento all’ultima aggressione perpetrata ai danni di un conducente della Mom da parte di alcuni ragazzi, avvenuta qualche giorno fa. “Tutto ciò deve far pensare che le iniziative intraprese dall’amministrazione di Vivere Pieve non stanno dando alcun risultato” continuano le opposizioni.

 

Ma non è tutto, visto che nel mirino c’è anche la questione furti: “Le opposizioni La Tua Pieve, Lega Nord e Forza Pieve hanno, a più riprese, proposto di ripristinare il controllo notturno e la convenzione con istituti di sorveglianza privata, che in passato hanno dato ottimi risultati per la copertura integrata alle forze dell’ordine già presenti nel territorio pievigino”. Questo a fronte - sostengono i gruppi - di una sottovalutazione del fenomeno da parte dell’amministrazione Soldan.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×