22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Vittorio Veneto

Al museo della Battaglia il servizio civile è rosa

Tre ragazze si occuperanno di tutelare e promuovere il patrimonio artistico per 12 mesi

commenti |

VITTORIO VENETO - Si è concluso l’iter per la selezione dei tre giovani da impiegare, nell’ambito del Servizio Civile Nazionale, nel progetto “Vittorio Veneto nel Centenario della Grande Guerra: polo museale da conoscere e valorizzare”. Venti le candidature pervenute al Comune di Vittorio Veneto, di cui una addirittura dalla Calabria e una dalla Sicilia. Dopo l’esame dei titoli ed un colloquio personale attitudinale, nel rispetto di una procedura indicata dal Ministero, sono state selezionate tre ragazze: M.D. 26 anni, M.C. 26 anni, e F.D.R. 24 anni, laureate rispettivamente in storia delle arti, scienze umanistiche della comunicazione e scienze e tecniche del turismo, tutte e tre residenti nel vittoriese.

 

Le tre giovani presteranno il loro servizio per un anno al Museo della Battaglia per 30 ore settimanali, svolgendo varie attività con l’obiettivo di far conoscere e tutelare il patrimonio custodito nel polo museale vittoriese della Grande Guerra, che include anche l’importante collezione Minucci – De Carlo. Sarà cura delle giovani collaborare con il personale del Museo nella promozione degli eventi culturali connessi al tema del Centenario e migliorare la visibilità e l’accoglienza del polo museale, portando le loro abilità e competenze nel campo, con particolare attenzione alle moderne forme di comunicazione.

 

“Siamo particolarmente soddisfatti per questa esperienza - dichiara l’assessore Barbara De Nardi -: prima di tutto perché il nostro progetto si è piazzato tra i primissimi nella graduatoria regionale, precedendo famosi enti culturali e anche Università; nondimeno siamo contenti per le candidate selezionate, tutte in possesso di lauree specifiche particolarmente adatte per il servizio che svolgeranno a vantaggio del nostro sistema museale: sono tre ragazze giovani, competenti e motivate, una vera risorsa per la città. Il progetto prenderà avvio il12 settembre e nella fase iniziale le giovani verranno adeguatamente formate per svolgere le mansioni a cui sono chiamate, oltre a una formazione generale sul significato e valore dell’esperienza di servizio civile e sull’importanza di esercitare il ruolo di cittadini in modo attivo e consapevole. Nella formazione è inclusa la conoscenza approfondita del comune di Vittorio Veneto e a tale proposito i tre giovani incontreranno all’avvio del loro servizio la Giunta Comunale per una conoscenza reciproca”.

 

l progetto, che è stato interamente finanziato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile, ed è stato redatto in maniera congiunta dai Servizi Sociali e Progetto Giovani e dalla direzione del Museo della Battaglia è realizzato in collaborazione con la fondazione di Palazzo Minucci - De Carlo e con Radio Veneto Uno.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

27/02/2017

"Salvate i cannoni!"

Si dovranno attendere mesi per il restauro dell'obice e del mortaio del Museo della Battaglia

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×