23/11/2017coperto

24/11/2017foschia

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Lavoro

Al via la XX edizione di 'Frantoi aperti' in Umbria.

AdnKronos | commenti |

Perugia, 18 ott. (Labitalia) - Al via la XX edizione di Frantoi Aperti, l’iniziativa organizzata dall’Associazione Strada dell’Olio evo di oliva Dop Umbria, che celebra la produzione dell’Olio evo Dop Umbria, valorizzando nel contempo il turismo rurale e i borghi medioevali umbri. Quest'anno sono coinvolti: Assisi (28 ottobre - 1° novembre 'Unto Unesco, Natura, Territorio, Olio in Assisi'; 4-26 novembre nei castelli del territorio), Campello sul Clitunno (5 novembre 'Festa dei Frantoi'), Castel Ritaldi (12 novembre 'Frantotipico'), Foligno (29 ottobre 'Camminata tra gli Ulivi' e dal 3 al 5 novembre 'Autunno a Foligno - Frantoi Aperti e Miele in Umbria'), Giano dell’Umbria (28 e 29 ottobre 'La Mangiaunta' XIII edizione; 25 e 26 novembre 'Rievocazione della Festa della Frasca').

E ancora: Gualdo Cattaneo (dal 3 al 5 novembre 'Sapere di Pane Sapore di Olio - Bianco e verde tra i castelli'), Passignano sul Trasimeno e Tuoro sul Trasimeno (dal 10 al 12 novembre 'Oliamo e i Sapori d’autunno'), Spello (dal 17 al 19 novembre 'L’Oro di Spello - 56ma Festa dell’olivo e Sagra della bruschetta'), Spoleto (29 e 31 ottobre e 1 novembre 'Frantoi Aperti a Spoleto'), Trevi (28 e 29 ottobre 'Festivol, Trevi tra olio arte musica e papille'). A chiudere con la 'Benfinita' dei 20 anni di Frantoi Aperti sarà la 'Festa dell’olio' a Castiglione del Lago dal 1° al 3 dicembre.

Nelle città aderenti si snoderanno iniziative durante i 5 fine settimana di Frantoi Aperti: feste tradizionali, appuntamenti musicali, attività rivolte ai più piccoli, servizi navetta gratuiti che dai centri storici porteranno i visitatori nei frantoi, passeggiate tra gli ulivi, visite ai palazzi storici e mercatini agroalimentari di prodotti tipici dell’Umbria (per i programmi di ogni città www.frantoiaperti.net ) e degustazioni d’olio gratuite guidate da esperti assaggiatori a cura delle organizzazioni di categoria, Cia, Coldiretti e Confagricoltura.

Una delle novità di quest’anno è 'Il pranzo al castello': sabato 28 e domenica 29 ottobre a Giano dell’Umbria, c’è un tour dei castelli sconosciuti del territorio, disseminati tra gli ulivi, Castagnola, Giano e Montecchio. Ad ogni visita, una portata, dall’antipasto al dolce in castello. Come ogni anno, da venti anni, il Frantoio, oltre che luogo di lavoro dove assistere alla spremitura delle olive e degustare l’olio appena franto, è anche uno spazio di incontro e di socializzazione, dove respirare il calore di un’atmosfera e un’accoglienza quasi familiare.

Questo anno, oltre a vedere riconfermata l’adesione dei tanti frantoi già partecipanti negli anni passati, si evidenziano due nuove realtà sorte nel cuore della terra del Sagrantino, che apriranno le loro porte proprio in occasione dei 20 anni di Frantoi Aperti: una, il Frantoio Filippi di Giano dell’Umbria, che punta sull’innovazione; l’altra, il Frantoio Silvestri, legata invece alla tradizione.

Anche quest’anno si rinnova la collaborazione tra la Strada dell’Olio Dop Umbria, il Coordinamento delle Strade dei vini e dell’olio dell’Umbria e il Movimento Turismo del Vino Umbria, grazie alla quale, per il fine settimana dell’11 e 12 novembre, in occasione di 'S. Martino in cantina' verranno proposti degli itinerari ad hoc tra cantine e frantoi con l’obiettivo della promozione congiunta delle due principali eccellenze enogastronomiche del territorio.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×