26/02/2018parz nuvoloso

27/02/2018parz nuvoloso

28/02/2018quasi sereno

26 febbraio 2018

Benessere

Alimenti: Coldiretti, con obbligo origine pasta e riso fine a inganni da import.

AdnKronos | commenti |

Roma, 13 feb. (AdnKronos Salute) - "L'etichetta di origine obbligatoria che permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella pasta e del riso mette fine all’inganno dei prodotti importati, spacciati per nazionali, in una situazione in cui un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero, come pure un pacco di riso su quattro senza che questo fosse fino ad ora indicato in etichetta". E' quanto afferma Coldiretti, che ha organizzato il 'Pasta Day' in occasione dell’entrata in vigore dei due decreti interministeriali sull’indicazione dell’origine obbligatoria del riso e del grano per la pasta in etichetta, dopo 180 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che cade esattamente il 13 febbraio per il riso e il 14 febbraio per la pasta.

"Una scelta applaudita dal 96% dei consumatori che - sottolinea la Coldiretti - chiede venga scritta sull’etichetta in modo chiaro e leggibile l’origine di tutti gli alimenti e confermata in Italia anche dal Tar del Lazio, che ha precisato come sia 'prevalente l’interesse pubblico ad informare i consumatori considerato anche l’esito delle consultazioni pubbliche circa l’importanza attribuita dai consumatori italiani alla conoscenza del Paese di origine e/o del luogo di provenienza dell’alimento e dell’ingrediente primario'".

"L’assenza dell’indicazione chiara dell’origine - precisa la Coldiretti - non consente di conoscere un elemento di scelta determinante per le caratteristiche qualitative, ma impedisce anche ai consumatori di sostenere le realtà produttive nazionale e con esse il lavoro e l’economia del territorio. Escono finalmente dall’anonimato e saranno riconoscibili nelle etichette della pasta 4,3 miliardi di chili di grano duro italiano che insieme ai 1,5 miliardi di chili di riso garantiscono all’Italia il primato in Europa".

"Finalmente sarà possibile sapere se nella pasta che si sta acquistando è presente o meno grano canadese trattato in preraccolta con il glifosate, proibito sul grano italiano, o se il riso viene dai campi della Birmania sequestrati alla minoranza Rohingya, contro la quale è in atto una pulizia etnica", ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, nel sottolineare "l’importanza di sostenere con la trasparenza scelte di acquisto più consapevoli da parte dei consumatori".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.930

Anno XXXVII n° 4 / 1 marzo 2018

SCHIAVI DELGIOCO

Il male del secolo? No, della Marca. Ogni anno si giocano somme milionarie alle slot machines. Ecco i dati

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×