22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Oderzo Motta

Accoltellato dal padre, Alisson non è in pericolo: "Papà ti perdono"

Il 24enne accoltellato dal padre, agli arresti per tentato omicidio, sta meglio. E scrive al genitore

commenti |

Alisson Gobbo

ODERZO - Operato l'altra notte, è ancora in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

Migliorano le condizioni del 24anne di Alisson Gobbo (nella foto), accoltellato al ventre lunedì sera dal padre nel corso di una lite.

Il ragazzo, in passato rugbysta, è infatti uscito dal reparto di rianimazione nel quale era stato trasferito alla conclusione dell'intervento chirurgico e sul decorso post operatorio i sanitari paiono piuttosto ottimisti.

Il padre, un 60enne, è stato arrestato e trasferito nel carcere "Santa Bona", di Treviso, con l'accusa di tentato omicidio.

Alla base del ferimento sembra esservi un alterco collegato ad uno stato di alterazione per assunzione di alcol da parte del giovane.

Da facebook, il giovane scrive: «Da sta mattina (ieri, nda) alle 10 ormai sono fuori pericolo e sto bene, starò qui a Treviso ancora per due o tre giorni almeno finché non riesco a mangiare e a bere regolarmente, per chi volesse venire a trovarmi io sono qui.

Un pensiero va a mio padre che è in carcere, ti penso papà e penso a cosa tu possa pensare di te stesso e cosa pensi di ciò che è successo. Io ti ho già perdonato e lo farò sempre. Perché ti amo per tutto ciò che hai fatto per me».

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

14/09/2017

Ai domiciliari il padre di Alisson

Lunedì sera ha accoltellato il figlio, che lo ha perdonato via facebook. La decisione del giudice è giunta quest'oggi: Daniele Gobbo è stato scarcerato in tarda mattinata

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×