22/02/2017coperto

23/02/2017pioviggine

24/02/2017pioggia debole

22 febbraio 2017

Alla biblioteca comunale la prima traduzione in italiano della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo

Il testo donato al Comune da Lando Arbizzani, console per la provincia di Treviso della Federazione dei Maestri del Lavoro

TREVISO - La prima traduzione dal francese all’italiano della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo si potrà consultare nella Biblioteca Comunale di Borgo Cavour. A donarla al sindaco Giovanni Manildo, alla presenza dell’assessore ai beni culturali Luciano Franchin e del direttore del settore Musei e Biblioteche Emilio Lippi, Lando Arbizzani, cittadino d Treviso, console per la provincia di Treviso della Federazione dei Maestri del Lavoro.

Il testo della Dichiarazione è contenuto a pagina 43 del libro dal titolo “Storie dell’Anno 1789” a cura di Francesco Pitteri. Il volume è parte di una collana pubblicata a Venezia dal 1730 all’inizio del 1800. Sindaco e assessore hanno ringraziato Arbizzani per la donazione che "testimonia un grande senso civico e che arricchisce di un volume importante la nostra Biblioteca".

 



Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×