22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Basket

Alla fine la spunta Ravenna

Nel match di domenica sera Treviso ko per 68-61

Basket

RAVENNA - Il PalaDeAndrè resta un tabù per la De’ Longhi, che esce sconfitta nella trasferta in terra romagnola contro un’Orasì coriacea, capace di soffrire e di rinascere nell’ultimo quarto.

C’è sempre più bagarre nei quartieri alti della classifica, con la vittoria della Virtus che torna capolista solitaria, seguita proprio dalla De’ Longhi e da Ravenna. Due lunghezze indietro c’è Trieste, sconfitta nel derby friulano. La volata playoff si fa sempre più accesa.

LA CRONACA

Si comincia col botto: azione in post-basso di Moretti, assist per Ancellotti che schiaccia a due mani. È un lampo che resta isolato per quattro minuti, grazie alla difesa arcigna di Ravenna e a qualche errore nei tiri aperti. Ci pensano quindi i due americani di Ravenna, Marks e Smith, a firmare il primo sorpasso. E, puntuale come ci si aspettava, ecco la tripla di Masciadri, uno che contro TVB la mette sempre: l’anno scorso 6/6 all’andata, 3/3 al ritorno, mentre quest’anno all’andata era fuori per infortunio. Fantinelli spezza il break con una morbida palombella e a metà quarto il punteggio è basso: 7-4 per Ravenna. Martino chiama time-out con i suoi in attacco, sulla rimessa palla a Masciadri da oltre l’arco. L’esito è oramai scontato: 10-4. Entra Perl e con la sua energia porta un buon contributo in difesa, propiziando la rimonta di TVB che si concretizza grazie a Perry e alla tripla di capitan Fantinelli. Una magia allo scadere di Ancellotti vale il sorpasso a due minuti dalla prima pausa. Due falli per Ancellotti e Rinaldi costringono Pillastrini ad abbassare il quintetto, con Sabatini che fortunatamente per Treviso fa 1/4 dalla lunetta. Decisamente migliore la percentuale dall’arco di Ravenna, un 3/4 che consente alla truppa di Martino di chiudere in vantaggio la prima frazione per 14-12. TVB deve aggiustare la mira, mentre il dominio a rimbalzo è già netto (12-5, cinque per Fantinelli).

Poco lucide le due formazioni in avvio di secondo quarto: per vedere il primo canestro servono due minuti e a firmare il cesto è Smith, cui replica subito Rinaldi. Tocca a Marks prendersi sulle spalle il peso dell’attacco ravennate, nel mezzo Perl si fa sentire con un’incursione vincente. Prova a scappare Ravenna con le conclusioni dalla lunetta, ma si sblocca Moretti, fino a quel momento osservato speciale. A metà quarto Ravenna è sopra di 4 (22-18), grazie ad un maggiore controllo dei rimbalzi, compresa qualche carambola offensiva che frutta il +6 di Smith. Ci pensa Negri, con una tripla, a dimezzare lo svantaggio, poi Ancellotti sfrutta le sue lunghe leve per il -1. Marks c’è, ma TVB riesce a correre e quando può farlo per Ravenna sono dolori: tripla di Moretti, contropiede di Fantinelli ed è sorpasso sul 28-26, per un parziale di 10-2 propiziato anche dalla difesa a zona. Ravenna vacilla e Treviso ne approfitta: Negri dalla lunetta e Fantinelli da sotto con tiro libero aggiuntivo (ottimo assist di Perry) per il +6. Per fortuna di Ravenna c’è Marks che grazie ad un difficile canestro allo scadere realizza il -4 (29-33) con cui si va al riposo. Per TVB c’è un eccellente Fantinelli da 10 punti e 7 rimbalzi. Ottimi i sette recuperi, meno le dieci perse. Sempre in attivo il conto rimbalzi (17-11).

Si ricomincia e Treviso cala un tris di canestri in 70 secondi che mette in ginocchio l’Orasì: taglio backdoor con appoggio mancino di Moretti, schiacciata di Ancellotti e canestro in contropiede di Fantinelli. Martino chiama time-out. Sabatini risponde presente, ma Ancellotti è in serata e va in doppia cifra con un bel piazzato coi piedi dentro l’arco. Ravenna ha bisogno di una tripla e va sul sicuro affidando la conclusione a Masciadri (3/3). Smith si carica nuovamente sulle spalle il peso della squadra, procurandosi falli (terzo di Ancellotti), ma senza capitalizzare dalla lunetta. Riparte così TVB con Perry e la bomba di Moretti che va in doppia cifra. Treviso può scappare, ma Ravenna resta lucida e il cecchino Masciadri continua a bombardare, sbagliando però il quinto tentativo (dopo 13 siluri in fila distribuiti su due stagioni, un record). La De’ Longhi mantiene il controllo delle operazioni, ma la partita si innervosisce con una serie di contatti proibiti. Treviso non approfitta di un tecnico affibbiato a Martino per proteste, mentre Chiumenti, ancora allo scadere, riporta il divario ad una distanza che lascia ancora un margine di speranza a Ravenna (43-50).

Smith raccoglie l’assist di Raschi e segna il -5 poi il quarto fallo di Ancellotti scombina i piani di Pillastrini. Ancora Smith per il -3, poi dopo l’entrata di Fantinelli due palle perse sanguinose (già 20) fruttano il pareggio dell’Orasì grazie a Marks e Tambone, per un parziale di 9-2 in due minuti che costringe il Pilla al time-out. Al rientro Raschi porta in vantaggio i suoi, Moretti pareggia dalla lunetta, ma Chiumenti confeziona un gioco da tre punti per il nuovo vantaggio Orasì. Negri pareggia pescando il jolly allo scadere e così si entra nell’ultima metà del quarto in perfetta parità: 57-57. Perry rilancia la De’ Longhi ma qualche pasticcio di troppo in attacco consente a Ravenna di rimettere il naso avanti di quattro lunghezze (63-59, 150 secondi al termine). Perry rosicchia un punto dalla lunetta, poi Ancellotti commette il quinto fallo, ma anche Smith fa uno su due. Ci prova fino alla fine TVB, ma la palla non entra più e Ravenna può così esultare, agganciando proprio la De’ Longhi in seconda posizione. Finisce 68 a 61 e resta salva la differenza canestri, stante la vittoria di 11 punti maturata tra le mura amiche del Palaverde. Una sconfitta che avrà tanto da insegnare in vista dei playoff, e che andrà resettata il prima possibile in vista della trasferta contro Imola di domenica 26.

ORASÌ RAVENNA – DE’ LONGHI TREVISO BASKET 68–61

ORASÌ: Tambone 12 (0/1, 2/4), Marks 21 (7/16, 0/1), Crusca 0 (0/1 da 3), Masciadri 12 (4/5 da 3), Smith 13 (5/9 da 2); Raschi 2 (1/2, 0/2), Chiumenti 5 (2/2 da 2), Sabatini 3 (1/4, 0/2). NE: Scaccabarozzi, Sgorbati, Seck. All.: Martino

DE’ LONGHI: Fantinelli 14 (5/5, 1/2), Moretti 13 (2/3, 2/5), Negri 8 (0/3, 2/3), Perry 9 (2/6, 0/4), Ancellotti 10 (5/7 da 2); La Torre, Malbasa 0 (0/1 da 2), Rinaldi 3 (1/3, 0/1), Perl 4 (1/2 da 2). NE: Rota, Barbante, Poser. All.: Pillastrini

ARBITRI: D’Amato, Moretti, Longobucco.

NOTE: pq 14-12, sq 29-33, tq 43-50. Tiri liberi: Ravenna 17/25, Treviso 13/18. Rimbalzi: Ravenna 18+7 (Smith 4+4), Treviso 25+9 (Perry 6+5). Assist: Ravenna 9 (Raschi, Masciadri, Tambone 2), Treviso 12 (Perr 4). Fallo tecnico alla panchina OraSì al 28’32” (41-49). 5 falli: Ancellotti al 37’57” (63-60). Spettatori: 3500

 

Altri Eventi nella categoria Basket

Treviso di scena a Jesi
Treviso di scena a Jesi

Basket

Nella terza giornata di campionato i locali battono la De Longhi 83-78: gli ospiti nel finale sfiorano la clamorosa rimonta

Treviso ko a Jesi

JESI - Treviso ko a Jesi. La squadra di coach Pillastrini rincorre nonostante lo spunto iniziale di Treviso che macina punti grazie alla coppia Antonutti-Brown.

Basket

Coach Pillastrini: "Affronteremo una squadra che ha tante armi pericolose e ci vorrà la nostra miglior difesa"

De Longhi domenica di scena a Jesi

TREVISO - Dopo la bella vittoria di domenica scorsa al Palaverde con Bergamo, la De’ Longhi Treviso Basket parte per Jesi dove domenica è in programma la terza giornata della A2 (Gir. Est) contro i locali della Termoforgia alle 18.

Matteo Fantinelli
Matteo Fantinelli

Basket

Il giocatore è in infermeria per un'infiammazione ad un piede che sarà costantemente monitorato nei prossimi giorni

Tegola De Longhi, Fantinelli a riposo

TREVISO - Lo staff medico della De’ Longhi Treviso Basket ha fatto il punto della situazione dopo le visite specialistiche e i controlli strumentali, per quanto riguarda capitan Matteo Fantinelli. 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×