21/07/2017quasi sereno

22/07/2017quasi sereno

23/07/2017sereno con veli

21 luglio 2017

Sport

Allegri carica la Juve: "Ora è tempo di raccogliere".

Altri Sport

Roma, 16 mag. - (AdnKronos) - "Sarà una finale, dopo domenica non abbiamo più tempo da perdere e dobbiamo cominciare a raccogliere. Giocheremo contro la Lazio che sta facendo una grande stagione, non sarà facile ma sono sicuro che, indipendentemente da chi giocherà vedremo una Juve attenta". Il tecnico bianconero Massimiliano Allegri suona la carica alla vigilia della finale di Coppa Italia contro la Lazio, primo obiettivo dei tre per i quali la 'Vecchia Signora' è in corsa.

"La squadra ha sempre dimostrato capacità di reazione -sottolinea l'allenatore livornese in conferenza stampa riferendosi al ko con la Roma di domenica-. Ora è importante ricaricare le energie a livello mentale, l'importante è avere la giusta carica". Formazione ancora in alto mare: "Devo decidere stasera se giocare con Barzagli o Dani Alves in difesa, dipende anche dalle condizioni fisiche dei giocatori offensivi perché devo valutare Mandzukic e Dybala che stiamo gestendo per questo problemino al flessore, devo essere sicuro che non succeda niente".

Tanti elogi per gli avversari, a partire dal tecnico Simone Inzaghi: "Bisogna fargli i complimenti, non era facile fare così bene al primo anno in Serie A -sottolinea Allegri-. E' molto furbo e sicuramente farà tanta strada, anche perché non è un tipo che si perde in chiacchiere. Keita e Milinkovic-Savic? Sono due giocatori importanti, che fanno parte di una rosa di qualità e giovane come quella biancoceleste".

L'ex allenatore del Milan evita un parallelo tra Higuain e Milito che firmò il triplete dell'Inter nel 2010 segnando in tutte le finali giocate dai nerazzurri: "Ad Higuain chiedo solo le prestazioni che ha fatto fino a questo momento, alla squadra chiedo una prestazione importante a livello d'attenzione, non a livello tecnico. Lo sa anche il gruppo, non abbiamo via d'uscita".

Allegri torna poi sulla sconfitta di domenica con i giallorossi: "Nell'arco della stagione ci stanno qualche calo di tensione, poi purtroppo è capitato domenica contro la Roma. Vedendo il calendario a inizio stagione avrei messo la firma per arrivare a Roma con 4 punti di vantaggio, ci siamo arrivati con sette punti e siamo andati oltre le più rosee aspettative. Avevamo un calendario difficilissimo nel finale di stagione, ero preoccupato e ora dobbiamo pensare solo a vincere".

 

Commenta questo articolo


Loading...

Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.917

Anno XXXVI n° 13 / Giovedì 6 luglio 2017

LICENZIATO!

La spy-story (con drammatico finale) di Augustin Breda. Ex operaio Electrolux

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×