24 ottobre 2019

Vittorio Veneto

Altri soldi al Palafenderl, piovono le critiche: "Opera che non serve a nulla"

L'amministrazione però difende l'opera: "Un contributo per un edificio comunale"

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Fanno discutere gli ulteriori 50mila euro stanziati dall’amministrazione per il Palafenderl. Serviranno per il montaggio degli infissi per i serramenti: si tratta di un avanzo di bilancio, che l’amministrazione ha deciso di destinare alla struttura in area Fenderl. Le minoranze hanno pesantemente criticato il nuovo contributo comunale all’opera, che in questo modo sale a 170mila euro, dopo i 120mila stanziati in passato.

 

Durante il voto per le variazioni su bilancio e programma triennale delle opere pubbliche, il consigliere leghista Gianantonio Da Re ha parlato di “un’opera di parte, che non serve a nulla”. Il leghista Gianluca Posocco ha chiesto invece trasparenza sui costi della struttura, dopo il nuovo finanziamento dell’amministrazione: è emerso che fino ad ora sono stati spesi circa 400mila euro per il Palafenderl, tra donazioni, mutuo e contributi del comune. 

 

Le minoranze vogliono vederci chiaro, e hanno chiesto un report con i costi e i progetti della costruzione. Paolo Santantonio, consigliere di Forza Italia, ha espresso il timore che in futuro ci possano essere altre variazioni di bilancio per destinare ulteriori soldi al Palafenderl. Il primo stralcio è stato terminato nell’ottobre scorso: dopo l’intervento di montaggio dei serramenti sarà possibile utilizzarlo come spazio coperto.

 

La giunta ha difeso l’opera e il nuovo contributo, attraverso gli interventi degli assessori Giovanni Napol e Alessandro Turchetto. Il vice sindaco ha ricordato che il Palafenderl “è un edifico comunale”, mentre Napol ha sottolineato il caso (forse più unico che raro) in cui sono dei privati e delle associazioni a dare i soldi al comune per la realizzazione di un’opera.

 

La Consulta dell’Associazionismo Culturale ha infatti raccolto nel tempo circa 200mila euro per la costruzione della struttura. I soldi al Palafenderl hanno “causato” il voto contrario della Lega (Da Re avrebbe votato a favore “senza quei 50mila euro”). Minoranza contrarie sia nel voto al bilancio che alle opere pubbliche, con Adriano Botteon del Gruppo Misto astenuto in entrambi i casi.

 

Con le variazioni vengono destinati circa 90mila euro per la sede della Protezione Civile degli Alpini all’ex scalo merci, 150mila per la riqualificazione di Piazza Fiume, e 180mila per la riqualificazione delle piscine comunali. Per quest’ultima voce sono stati “tolti” 50mila euro dagli originari 230mila, per una parte dell’intervento che verrà eseguita il prossimo anno.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×