21/07/2018possibili piovaschi

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Italia

"Amazon deve assumere 1.300 interinali"

È quanto stabilito dall'Ispettorato del lavoro che ha contestato ad Amazon di aver 'sforato' le quote consentite dalla legge di lavoratori "somministrati"

commenti |

amazon

Oltre 1.300 lavoratori precari di Amazon Italia hanno il diritto di essere assunti dal colosso americano dell'e-commerce. È quanto stabilito dall'Ispettorato del lavoro che ha contestato ad Amazon di aver 'sforato' le quote consentite dalla legge di lavoratori "somministrati" e chiede la stabilizzazione degli oltre 1.300 lavoratori interinali utilizzati oltre i limiti. L'accertamento nei confronti di Amazon Italia Logistica era iniziato lo scorso 7 dicembre e il verbale, si legge sul portale dell'Ispettorato, è stato notificato il 30 maggio scorso. L'Ispettorato ha contestato all'azienda di aver utilizzato i lavoratori somministrati "oltre i limiti quantitativi individuati dal contratto collettivo applicato nel periodo da luglio a dicembre 2017".

 

"L'impresa - scrive l'Ispettorato - a fronte di un limite mensile di 444 contratti di somministrazione attivabili, nel periodo suindicato, ha invece sensibilmente superato tale limite, utilizzando in eccesso un totale di 1.308 contratti per lavoratori somministrati". Gli oltre 1.300 lavoratori interinali, spiega la nota, potranno chiedere di essere assunti a tempo indeterminato "e a far data dal primo giorno di utilizzo, direttamente dalla società Amazon".

 

In esito ad altri profili oggetto di accertamento non sono invece emerse irregolarità, né sono state accertate violazioni in tema di controllo a distanza dei lavoratori. Da parte sua, Amazon, ha specificato in una nota che "rispettiamo il lavoro svolto dall'autorità ispettiva e ci impegniamo affinché tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile". Nello specifico in questi giorni, sottolinea Amazon, "abbiamo ricevuto il verbale di accertamento e in esso non è riportato il numero di contratti in somministrazione, citato nei media e nel comunicato stampa dell'Ispettorato del Lavoro".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×