15/10/2018nuvoloso

16/10/2018nuvoloso

17/10/2018pioviggine

15 ottobre 2018

Oderzo Motta

Amianto a Meduna, il sindaco Fantuz: "Ci siamo già attivati nel 2016"

Ma il consigliere regionale Zanoni replica: "Il Comune ordini la bonifica quanto prima". L'intervento dell'opposizione consiliare

commenti |

amianto sul tetto della fabbrica di Meduna

MEDUNA DI LIVENZA - Amianto sul tetto dell'ex fabbrica CDM a Meduna di Livenza, polemica tra il sindaco Marica Fantuz e il consigliere regionale Andrea Zanoni.

Dopo una richiesta di intervento dello stesso Zanoni, Fantuz ha spiegato: "Sappiamo bene che l'amianto è ancora presente in moltissime costruzioni, in particolare in quelle realizzate prima degli anni Novanta, dove l'Eternit spesso era usato per realizzare rivestimenti, coperture e controsoffitti.

Ciò significa che questo materiale può essere presente nelle tegole, nei serbatoi, nelle tettoie, nelle coperture, nei pollai, in vecchi garages e nei pavimenti di tutti gli edifici dei nostri territori. Poiché l'Eternit è stato dichiarato fuori legge, chi è proprietario di un immobile in cui è presente ha l'obbligo giuridico di allertare le autorità competenti e procedere (se in cattive condizioni) al suo smaltimento.

La denuncia all’Azienda Sanitaria e agli uffici competenti è obbligatoria e quindi bene che Zanoni, nonostante i suoi numerosi impegni in Consiglio e Commissione, si interessi anche del nostro territorio, anche se meglio sarebbe stato se avesse direttamente segnalato a questi, o scritto a me, senza impegnare una giunta regionale che sicuramente ha altro da fare. Lo informo innanzitutto che gli mancano dei piccolissimi passaggi, perchè dopo il fortunale del 2016 ed anche a seguito di segnalazioni di cittadini preoccupati, abbiamo contattato immediatamente ARPAV, ULSS2 (allora 9) ed il curatore fallimentare evidenziando il problema.

La proprietà si è correttamente mossa e, dopo diversi sopralluoghi, ha provveduto alla redazione del piano di lavoro per la rimozione e bonifica del materiale ed è intervenuta attraverso ditta specializzata che ha regolarmente eseguito ed ultimato i lavori.

Quindi, falsissime le dichiarazioni che dicono che in due anni nulla è stato fatto; sgradevole che il consigliere regionale del PD Zanoni abbia fatto un sopralluogo (esterno alla proprietà e da terra) sollevando un possibile e non accertato problema di salute pubblica, senza avvisarmi direttamente ed immediatamente; imbarazzante che la sua fonte di verifica sia google earth e spiacevole che abbia impegnato una Giunta regionale per questo (anche se, lo sappiamo, un'interrogazione non si nega a nessuno).

Rassicuro comunque tutti comunicando che mi attiverò nuovamente affinchè vengano fatte tutte le verifiche e quindi che mi vengano dati aggiornamenti quanto prima sullo stato dell'arte della copertura dell'ex opificio industriale e ringrazio il Consigliere del pd Zanoni per la segnalazione, suggerendogli che, se dovesse averne altre, basta mandi una mail al Comune di Meduna di Livenza, o all'ARPAV, o all'ULSS2 e provvederemo a fare altrettanto".

Da qui la replica di Zanoni. “Dai documenti in mio possesso risulta proprio che l’ultimo intervento è stato fatto dalla ditta Nekta Servizi Srl, tra il 31 agosto e per la prima settimana del settembre 2016, poi più nulla. In quell’occasione sono stati asportati 500 metri quadri di coperture di amianto pari al 15 % del totale, lasciando sul posto circa 2800 metri quadri, l’85% della copertura degradata. E da allora il Comune di Meduna non si è mosso per la bonifica.

“Prima di interessare la Giunta regionale ho utilizzato più fonti per accertare la grave situazione amianto della Cdm, sono stato due volte sul posto e mi è bastato percorrere la via pubblica che costeggia l’ex stabilimento per rendermi conto del degrado della copertura contenente amianto. L’ho fatto io che abito a un’ora di strada, poteva farlo anche il sindaco.

Ma non solo: ho visionato un video realizzato con drone e infine le foto aeree di Google Earth accessibili a tutti, al sindaco come ai residenti. Quello che ho potuto constatare non lascia scampo".

Sulla questione anche il gruppo di minoranza consiliare La Tua Meduna ha segnalato di aver già segnalato il problema due anni fa.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×