17 settembre 2019

Castelfranco

Anche Castelfranco ha il suo “ponte dei sospiri”

Realizzato da anni non è mai stato aperto pur se sarebbe molto utile alla comunità

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

CASTELFRANCO VENETO – A Salvarosa il sottopasso è attraversato da anni da un bel ponte in legno per la viabilità minore. L’intenzione realizzandolo era di consentire a pedoni e ciclisti di superare la strada in sicurezza e il ponte inequivocabilmente era la scelta giusta da fare ma dalla sua realizzazione non è mai stato aperto e sono molti i residenti della zona che s’interrogano sulle ragioni di questa chiusura. “Vorrei tanto conoscere quel gran d… che ha progettato il ponte (pedonale) nel sottopasso di Salvarosa e mai utilizzato, è una vergogna – tuona un residente spiegando che -, ogni volta che passo in bicicletta prego per attraversare la strada perché l'unico attraversamento sarebbe questo ma come si vede è chiuso l'accesso”.

La questione pare non essere così semplice ed a spiegarla è un altro castellano che interviene sul caso: “Il ponte per delle bici è in sicurezza ma dietro la prima fabbrica a ridosso dei ferrovia il proprietario non ha mai concesso l'esproprio di pochi metri. Poi è passata in mano ad una azienda di lavorazione marmi poi fallita. Ora non si può espropriare – spiega poi che forse -, si poteva acquistare ora o permutare con il nuovo acquirente che fa lavorazione metalli. O non c'era la volontà o non interessava alla nuova amministrazione. Rimane un ponte dei sospiri, rimane un punto pericoloso, una rotonda mai illuminata e la rabbia che anche quello lo abbiamo pagato noi”.

Va detto che l’attraversamento realizzato diversi anni fa aveva lo scopo di superare il sottopasso e di unire la pista ciclabile che da Salvarosa porta alla zona artigianale ubicata sul versante sud della ferrovia, arrivando fino al cavalcavia della circonvallazione est. Sempre a detta dei residenti questa viabilità minore è stata ultimata con tanto di lampioni accesi ogni notte, per qualche anno, fino a qualche temo fa quando è stata spenta anche la pubblica illuminazione dopo che si sono verificati alcuni furti di lampadine. Un vero peccato perché quest’opera è molto utile e per una volta mette d’accordo tutti i cittadini.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×