21 agosto 2019

Nord-Est

Anche l’Esercito al 13° Salone Nautico internazionale di Venezia

Il Reggimento lagunari “Serenissima” in campo per la sicurezza in mare

commenti |

VENEZIA MESTRE – Nell’ambito del 13° Salone Nautico internazionale di Venezia grande rilievo hanno avuto le “Giornate della Sicurezza in Mare” per la promozione, verso neodiportisti e giovani di età compresa tra 14 e 18 anni, della navigazione consapevole e responsabile, rispettosa del mare e dei suoi utenti

Nell’ambito di queste giornate, gli istituti scolastici di Venezia che hanno aderito al progetto “Marinando la scuola”, percorso didattico rivolto alle scuole superiori per la promozione della Sicurezza in Mare giunto quest’anno alla terza edizione, hanno anche avuto l’opportunità di assistere all’intervento di un team di Lagunari specializzati in soccorso a persone traumatizzate e tecniche BLSD (Basic Life Support Defibrilation). In particolare, militari si sono cimentati in una dimostrazione dinamica focalizzata nel recupero e stabilizzazione di un naufrago a premessa del successivo trasporto alle strutture sanitarie.

Il personale del Reggimento lagunari “Serenissima”, coordinato nell’attività dal Comando padovano COMFODI-NORD, ha anche fornito ai visitatori informazioni sulle opportunità professionali offerte dalla Forza Armata.
Oltre a questa attività, i Lagunari hanno  messo in mostra i mezzi e i materiali loro in dotazione, tra i quali il barchino d’assalto anfibio a chiglia rigida, il battello pneumatico modello Zodiac e un VTLM “Lince”. Presente al Salone anche una motovedetta d’altura, imbarcazione destinata alla guida e al controllo di convogli, quale unità di comando e controllo tattico delle operazioni anfibie e realizzazione di un centro operativo avanzato in caso di pubblica calamità, a riprova del sempre maggior impegno della Forza Armata non solo a difendere i patrii confini ed operare in teatri internazionali a difesa di popoli afflitti dai conflitti, ma anche ad intervenire in tutti quei settori della vita civile in cui se ne manifesta l'esigenza come, ad esempio, per soccorrere le popolazioni sconvolte da terremoti, alluvioni e frane, ambiti nei quali la presenza di uomini in armi ed in uniforme non significa aggressività, ma collaborazione e sostegno alla popolazione civile.

 

BDN

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

29/06/2015

Lavoro e combattimento

L’Arma del Genio celebra la sua festa con l’esercitazione Smart Sapper

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×