24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

24 settembre 2017

Treviso

Andrea Orlando a Treviso con Giovanni Tonella e Floriana Casellato.

le tematiche della candidatura per la segreteria nazionale del PD

Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti |

TREVISO - Unità del centrosinistra, riduzione delle disuguaglianze, giustizia sociale: queste le parole d'ordine con cui Andrea Orlando, ministro della giustizia e candidato alla segreteria nazionale del PD, è intervenuto presso l'hotel Ca' del Galletto, davanti a più di 250 iscritti, amministratori, simpatizzanti del partito democratico radunatisi da tutta la provincia di Treviso.

Il ministro, partendo da un'analisi della situazione nazionale e internazionale, si è soffermato sui punti salienti della propria mozione, dalle misure a sostegno dei piccoli comuni alla lotta alla povertà assoluta.

Giovanni Tonella, candidato alla segreteria regionale, ha affermato la necessità di ricostruire il PD Veneto, dopo anni di errori e immobilismi, per preparare le prossime elezioni regionali e sfidare gli esperti dei progetti di finanza sbagliati che impoveriscono i veneti.

Floriana Casellato, nel suo saluto iniziale, ha sottolineato come sia urgente e indispensabile restituire forza e partecipazione al Partito Democratico e attuare, a livello nazionale e regionale, una piattaforma in cui i temi delle disuguaglianze, del lavoro, dello stato sociale e welfare e del futuro dei giovani tornino ad essere fondamentali nella prospettiva politica di questo grande partito di centro sinistra.

 



foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×