25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Treviso

Appiani dormitorio dei profughi, “E’ questa l’accoglienza?”

Sono giovani con lo status di rifugiati usciti dalla rete di accoglienza

commenti |

TREVISO - Il seminterrato dell’Appiani continua ad essere un bivacco abusivo per i profughi. Una storia che si trascina da mesi senza trovare soluzione. La polizia locale è già intervenuta diverse volte per sgomberare i ragazzi che si accampano all’Appiani perché non sanno dove andare. Tutti hanno ottenuto lo status di rifugiati e di conseguenza sono usciti dal sistema di accoglienza, che prima dava loro un posto dove stare ed ora non hanno alcun aiuto.

“Questi - attacca il Comitato Prima i Trevigiani - sono i risultati di un'accoglienza fallimentare sotto tutti i punti di vista, che mira solo a far guadagnare soldi facili alle cooperative e a chi li "accoglie". Ora che hanno ottenuto lo status di rifugiato e per loro non ci sono più fondi messi a disposizione da spartirsi, vengono scaricati dai centri di accoglienza e mollati per strada a cercare fortuna”. Nella nostra città non è tollerabile che ci sia una situazione del genere - conclude il comitato - ci auguriamo che venga messa fine a tutto ciò”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

22/11/2017

A Vittorio Veneto si dorme per strada

Il Comune non vuol saperne di creare un dormitorio. Eppure in città aumentano i ‘senza tetto’ e ‘senza patria’: rifugiati senza un ricovero

immagine della news

14/11/2017

C'è chi dorme per strada

A Vittorio Veneto aumentano i "senza tetto" e i "senza patria". Ma il comune non crea un dormitorio

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×