24 agosto 2019

Vittorio Veneto

AREA FENDERL, SI RISCRIVE LA CONVENZIONE

Chiesta una proroga alla regione Veneto

Claudia Borsoi | commenti | (7) |

VITTORIO VENETO - Si apre uno spiraglio sulla gestione dell'area Fenderl: le parti interessate dalla convenzione, ovvero Consulta dell'associazionismo culturale vittoriese, Coop Fenderl e Coordinamento delle associazioni di volontariato Sinistra Piave, verranno convocate dall'amministrazione vittoriese nei prossimi giorni e invitate e fare una loro proposta per la gestione dell'area, proposta che possa soddisfare tutte le parti.

Tutto questo che dopo la scorsa estate il consiglio comunale ratificò la nuova convenzione per la gestione dell'area, convenzione che avrebbe permesso alla coopertariva Fenderl di entrare "in possesso" in via diretta dei locali al piano terra dell'edificio, così da poter rispondere ai requisiti (numero di metri quadrati per utente) imposti dalla normativa regionale. Questi locali sono però affidati dalla convenzione siglata nel 1999 alla Consulta, che chiede li rimangano affidati e concessi in sub-comodato alla cooperativa.

A novembre, convocate le parti in municipio, solo coop e coordinamento firmarono la nuova convenzione, mentre la Consulta preferì presentare un ricorso al Tar.

Nel frattempo la regione ha scritto al comune imponendo come termine ultimo per la definizione della nuova convenzione il 31 dicembre, termine oltre il quale la regione avrebbe sospeso la convenzione con Ulss e cooperativa che qui alla Fenderl gestisce un centro diurno per 16 disabili. Termine che ora l'amministrazione ha chiesto possa essere prorogato in attesa di poter convocare tutte le parti.

«Giovedì scorso - spiega il vice-sindaco e assessore ai servizi sociali Giuseppe Maso - in giunta abbiamo avviato un procedimento. Nei prossimi giorni convocheremo le parti, Consulta, Coordinamento e Cooperativa Fenderl, affinchè entro la fine di gennaio ci facciano una proposta che possa soddisfare le parti. La regione ci concederà una proroga di 3/6 mesi. Una cosa è certa - sottolinea Maso - gli spazi alla cooperativa vanno dati e se la Consulta sarà irremovibile sulle sue posizioni, andremo oltre».

E sul ricorso al Tar presentato nelle settimane scorse dalla Consulta contro la convenzione ratificata dal consiglio comunale Maso ammette che «poteva essere evitato, mi auguro ora un atteggiamento più costruttivo da parte della Consulta. Per noi c'è la possibilità di trovare un accordo che possa permettere a 16 ragazzi disabili di continuare a frequentare il centro ed evitare il licenziamento di una decina di persone della cooperativa. Mi spiace che la Consulta ne faccia una questione politica, per noi è solo tecnica, quegli spazi vanno assegnati alla cooperativa che poi li potrà mettere a disposizione della consulta in sub-comodato».

IDV: «DA RE TUTELI I DISABILI»

Chiede di giungere nel più breve tempo possibile ad una soluzione che tuteli i disabili e i loro assistenti il rappresentante di zona dell'IdV, Daniele Dal Mas.

«Chiediamo al comune - fa sapere Dal Mas - che il comune si attivi trovando una soluzione condivisa che tuteli i disabili e i loro assistenti, che in un momento difficile come questo faticherebbero a trovare un nuovo lavoro».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Giusto per lanciare un dibattito: in tutti questi mesi di cosa si è parlato se ora ci vuole un altro mese per una soluzione condivisa, di cosa stiamo parlando ? Un dialogo di muti tra sordi? Che str...ta, che decida il Comune e basta, è lui o no il proprietario dell'area? E' democratico poichè eletto e dovrà fare l'interesse di tutti...o no?

segnala commento inopportuno

Mah...frequento i prati dell'area Fenderl,la ritengo un patrimonio per tutti i vittoriesi...e più leggo quanto vi sta accadendo più mi pare che i disabili della cooperativa vengano squallidamente usati per i comodi di qualcun'alro...che schifo!

segnala commento inopportuno

Ci illumini: per fare il comodo di chi?

segnala commento inopportuno

Sono sincera,questo ancora non lo ho capito...ma di certo questa situazione non sta avvantaggiando ne i disabili che lavorano alla Fenderl ne i volontari della Consulta...anzi! Su tutti gli altri ho ancora dei grossissimi punti di domanda...

segnala commento inopportuno

a me sembra che si voglia usare i disabili per cacciare quelli che non fanno comodo. Carità pelosa. Ora l'area è di tutti e si vuol farla diventare una sorta di ghetto.

segnala commento inopportuno

Complimenti al sig. Maso.
Quelli della Lega ci avevano abituati alla strumentalizzazione degli anziani, dei bambini e dei disabili.
Ora si mette anche il sig. Maso a dar man forte a chi da anni tenta di cacciare le associazioni dalla Fenderl utilizzando le persone più deboli.

segnala commento inopportuno

Bene così! Spiegarsi, chiarirsi civilmente e magari pubblicamente. Il dialogo a viso aperto è sempre una bella cosa.
Pace agli uomini di buona volontà!

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

03/02/2012

AREA FENDERL, TROVATO UN ACCORDO

Il comune rinnoverà per 5 anni la convenzione in atto e la Consulta cederà le due stanze al piano terra alla coop Fenderl

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×