21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Politica

Arrestato per estorsione candidato M5S in Sicilia

commenti |

Arrestato con l'accusa di estorsione Fabrizio La Gaipa, primo dei non eletti nella provincia di Agrigento alle scorse elezioni regionali siciliane. L'imprenditore pentastellato, 42 anni, è - come apprende l'AdnKronos - ai domiciliari con l'accusa di aver costretto due dipendenti dell'hotel che gestisce a firmare buste paga false.

Intanto "il collegio dei probiviri ha disposto la sospensione in via cautelare" visti gli articoli 4 e 5 del regolamento del Movimento 5 Stelle. Lo rendono noto in un comunicato i probiviri del M5S, Nunzia Catalfo, Riccardo Fraccaro e Paola Carinelli.

A denunciare l'imprenditore sarebbero stati gli stessi dipendenti dell'albergo: diversi sono stati gli esposti inviati alla Procura di Agrigento, diretta da Luigi Patronaggio, che negli ultimi mesi ha raccolto varie testimonianze per fare luce sulla regolarità dei contratti di lavoro dell'imprenditore. Nell'ambito dell'inchiesta risulta indagato anche il fratello Salvatore, per il quale il gip ha disposto il divieto di dimora ad Agrigento.

L'indagine "ha per oggetto - spiega il procuratore capo Luigi Patronaggio, che coordina l'inchiesta con il pm Carlo Cinque - una duplice estorsione perpetrata dagli indagati (i due fratelli La Gaipa, ndr) ai danni di due dipendenti costretti, dietro la minaccia del licenziamento, ad accettare un salario inferiore a quello risultante in busta paga".

"I dipendenti, parti offese del reato - continua - hanno offerto riscontri documentali ed audio alle loro dichiarazioni accusatorie nei confronti degli indagati". "Il fenomeno delle 'false buste paga' - aggiunge Patronaggio - è particolarmente diffuso nell'agrigentino e oggetto di particolare attenzione investigativa da parte dell'Ispettorato del Lavoro oltre che delle forze di polizia". "Nei prossimi giorni - annuncia - ci sarà l'interrogatorio di garanzia da parte del gip Stefano Zammuto".

Sulla piattaforma Rousseau del M5S così si presentava Fabrizio La Gaipa: "Sono un imprenditore turistico di seconda generazione, con un passato da giornalista e scrittore". Il 42enne era candidato alle regionali nella provincia di Agrigento dove ha fatto un comizio alla presenza di Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Giancarlo Cancelleri. La Gaipa, grazie al suo lavoro, è molto conosciuto ad Agrigento, dove ha ricoperto anche la carica di Presidente del consorzio turistico 'Valle dei Templi', incarico che ha abbandonato dopo l'annuncio della sua candidatura alle regionali per il M5S.

"Nutro una passione profonda, consolidata nel nostro territorio, per l'arte antica - recita ancora sul suo curriculum sulla piattaforma Rousseau - Recentemente mi sono impegnato in iniziative culturali innovative legate all'archeologia come l'apertura ad Agrigento dell'Hotel Costazzurra Museum Spa, primo archeo-hotel del mondo, eventi culinari legati alle tradizioni gastronomiche dell'antichità e persino la riscoperta di trattamenti e rituali estetici del passato quali il massaggio con lo strigile".

Nello spot elettorale che aveva fatto a ottobre per le elezioni regionali diceva: "Ho scelto di candidarmi con il M5S ed è una scelta che faccio veramente con il cuore. Il M5S incarnava le cose che già pensavo e così è stato naturale inserirmi in questo mondo meraviglioso". "Sono desideroso di dare il mio contributo - aggiungeva - Vorrei far parte di coloro che andranno a spendersi per le regionali per creare una Sicilia migliore. Vi chiedo la fiducia per rappresentarvi al Parlamento regionale". E concludeva: "Comunque vadano le cose, viva il M5S".

Ad Agrigento qualcuno dice che La Gaipa, dopo la batosta subita alle regionali, arrivando primo dei non eletti con i suoi 4.357 voti, si stava già preparando alla candidatura delle politiche.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×