25/02/2018variabile con neve

26/02/2018parz nuvoloso

27/02/2018parz nuvoloso

25 febbraio 2018

Treviso

Artigiani dal Prefetto: "Imprese vittime delle imposte"

Il presidente di Confartigianato Sartor:"Invece di diminuire, le incombenze burocratiche aumentano"

Isabella Loschi | commenti |

Sartor

TREVISO - I rappresentanti di Confartigianato Marca Trevigiana in Prefettura per protestare contro legge di bilancio 2018. “Troppa burocrazia e nessun passo coraggioso sul fronte del fisco” - sottolinea il presidente di Confartigianato Vendemiano Sartor. Secondo una stima di Confartigianato Marca Trevigiana , senza le opportune modifiche ai provvedimenti di impatto fiscale, la legge di bilancio costerà alle aziende venete 2.800 euro di Imu, e 6.720 euro per le fatture elettroniche e quasi 107milioni per visti conformità, Pos, “spesometro”, oltre a 12 milioni di euro drenati alle imprese per ritenute sui bonifici per ristrutturazione e crediti Iva.

Queste le cifre consegnate al Prefetto Laura Lega nel corso dell’incontro di lunedì in Prefettura, durante il quale il numero uno dell’associazione degli artigiani si è fatto portavoce delle loro difficoltà.
“Se l’insieme dei provvedimenti aventi un impatto fiscale non dovesse cambiare radicalmente -afferma Sartor – riteniamo che il rapporto di fiducia tra contribuente e Stato si incrini ulteriormente. Le imprese non possono continuare a pagare, in modo sempre più complicato e costoso e sempre più anticipatamente, imposte quando poi i propri crediti non sono riconosciuti tali o veritieri. Non ci stiamo ad essere considerati, a priori, evasori salvo prova contraria. La logica della “cassa” sta destrutturando la nostra economia per via normativa. Non siamo d’accordo e non lo accettiamo. Le imprese chiedono di poter lavorare rispettando le norme ma di non divenendo vittime delle stesse.”

Tra i nodi da cambiare Sartor ha evidenziato il problema dei visti di conformità sulle compensazioni:”L’abbassamento a 5 mila euro della soglia dei crediti oltre la quale è necessario far apporre il visto sulle dichiarazioni per poter utilizzare i crediti Irpef, Ires, Irap e Iva ha fatto lievitare i costi burocratici per le imprese ed ha messo, di fatto, le ganasce al diritto dei contribuenti di poter sfruttare i propri crediti nei confronti dello Stato, diritto sancito dalla legge”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

29/06/2009

ZAIA NON SEI GENTILUOMO

L'assessore regionale Sartor (Pdl) difende la collega di Giunta e di partito e inviata Zaia a chiederle scusa e a darsi una calmata

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.930

Anno XXXVII n° 4 / 1 marzo 2018

SCHIAVI DELGIOCO

Il male del secolo? No, della Marca. Ogni anno si giocano somme milionarie alle slot machines. Ecco i dati

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×