21/10/2018pioggia debole

22/10/2018sereno

23/10/2018sereno con veli

21 ottobre 2018

Oderzo Motta

Artigiano morto nel pordenonese, i Carabinieri arrestano 48enne romeno

Il fermo sabato scorso: è sospettato di aver sparato ad Alessandro Coltro, sacilese che lavorava alla Water Service di Fossalta Maggiore di Chiarano

commenti |

la Water Service di Chiarano

CHIARANO - Romeno di 48anni confessa l’uccisione di Alessandro Coltro, 48enne artigiano pordenonese. Sabato L.M.H., incensurato, è stato fermato ieri dai carabinieri di Pordenone. L'accusa è omicidio a scopo di rapina, si trova in carcere a Pordenone.

Secondo gli inquirenti, potrebbe essere stato lui a uccidere Coltro con un colpo di pistola alla testa, lo scorso 25 settembre a Fontanafredda. Il 48enne lavorava nell’azienda Water Service di Fossalta Maggiore di Chiarano.

Il romeno aveva in tasca un biglietto aereo per Londra: sarebbe dovuto partire domenica mattina. Gli investigatori lo pedinavano però da tempo e prima che prendesse l’aereo sono scattate le manette ai polsi.

Il motivo dell’omicidio non è ancora chiaro: si parla o di un debito da saldare o di una rapina. L’artigiano aveva con sè 15mila euro per l’appuntamento con il suo assassino. Si erano dati appuntamento con dei messaggi telefonici. Il romeno avrebbe confessato il delitto: avrebbe sparato quattro colpi d’arma da fuoco, una Beretta calibro 22 con silenziatore, di cui uno letale alla testa.

L’indagato, che lavora in una pizzeria a Porcia, avrebbe ha poi gettato alcuni dei suoi vestiti sporchi del sangue della vittima in un cassonetto poco lontano.

La pizzeria è gestita da due sorelle dominicane ora indagate per favoreggiamento in quanto avrebbero fornito falsi alibi all’uomo.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×