21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

21 ottobre 2017

Agenda

Aspettando il corale

I Cori di Vittorio Veneto cantano per la città per promuovere il Concorso Nazionale Corale

Musica

quando Sabato 20 maggio alle 16.15
dove Museo del Cenedese, Palazzo Minucci De Carlo

Ormai appuntamento fisso del Concorso Nazionale Corale, anche quest’anno prende il via la rassegna “Aspettando il Corale”, grazie alla gratuita disponibilità di alcuni cori cittadini e di altre località venete, in attesa della 51^ edizione del Concorso, prevista il 27 e 28 maggio.

 

Ad risuonare sarà tutta Vittorio Veneto, da Serravalle a Ceneda, passando per il Centro Città. “È il modo migliore per sottolineare il calore e l’impegno che Vittorio Veneto dimostra puntualmente in occasione di questa grande manifestazione musicale.”, spiega l’Assessore alla Cultura di Vittorio Veneto Antonella Uliana.

 

“Ringrazio i cori che liberamente hanno scelto di partecipare a queste giornate: sono un esempio di collaborazione artistica che rilancia ogni anno il valore del canto corale nella nostra città.”

 

Sabato 20 maggio alle 16.15 sarà il Museo del Cenedese ad ospitare le voci del CORO C.A.I. di Vittorio Veneto, per proseguire alle 17.45 con il WOMEN VOX, sempre di Vittorio Veneto.

 

Alle 17 dello stesso giorno, presso il suggestivo Palazzo Minucci De Carlo, il CORO ANA di Vittorio Veneto darà inizio alla sua la sua performance e, alle 18.30, il CORO COL DI LANA di Vittorio Veneto chiuderà l’evento.

Altri Eventi nella categoria Musica

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×