22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Atletica

Atletica / Mennea day, spettacolo a Bassano

Duecentocinquanta atleti in pista a Bassano del Grappa nella giornata dedicata al ricordo della “Freccia del Sud”.

Altri Sport

Il Mennea day a Bassnano

BASSANO DEL GRAPPA - Duecento metri per sentirsi un po’ Pietro Mennea. In 250 hanno fatto passerella sulla pista di Bassano del Grappa (Vicenza) nella giornata dedicata al ricordo della “Freccia del Sud”.

Hanno corso atleti di belle speranze, tanti giovanissimi e anche semplici appassionati. Un bel modo per rinnovare l’esempio di un atleta che, 38 anni fa, con il fantastico 19”72 di Città del Messico, record del mondo rimasto imbattuto per 17 anni, ha scritto una delle pagine più significative nella storia dello sport italiano.

Applauditi anche da Gabriella Dorio, che di Mennea è stata compagna di squadra in tre Olimpiadi (Montreal, Mosca e Los Angeles), oltre che dagli sprinter azzurri Michael Tumi e Johanelis Herrera Abreu, i più veloci di giornata sono stati l’allieva Erica Caramel (Atl. Riviera del Brenta), con 26”95 (0.0), due centesimi meglio della cadetta Annachiara Pizzato (Asi Atl. Breganze), e la promessa Federico Polo (Atl. Biotekna Marcon), con 23”01 (-0.1).

Premi speciali per l’atleta più giovane, Manuel Barcaro, 5 anni, di Rovigo, e per il più anziano, Antonio Brunello, 76 anni, di Vicenza. La loro gioia spiega meglio di mille parole il significato del Mennea Day.

Nelle gare di contorno, 2.03 dello junior Simone Busnardo (Atletica Vicentina) nell’alto e 53.81 dell’under 23 Alessio Gobbo (Atl. Mogliano) nel giavellotto.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×