23/11/2017nuvoloso

24/11/2017nuvoloso

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Nord-Est

Atti osceni in stazione, poi le minacce ai poliziotti

commenti |

VENEZIA - Un tunisino di 25 anni è stato denunciato dalla polizia ferroviaria di Venezia perchè sorpreso a compiere atti osceni nell'atrio della stazione ferroviaria lagunare.

 

Il fatto, avvenuto la sera del giorno di Pasqua, ha lasciato interdetti turisti e poliziotti che, durante il servizio di controllo, sono stati attirati da alcuni gemiti che provenivano nell'atrio principale, notando un giovane rivolto verso il muro e con i pantaloni calati.

 

Il giovane, invitato a ricomporsi, ha continuato nella sua azione incurante della presenza anche di minori.

 

Lo straniero è stato quindi portato negli uffici della polfer dove è stato accertato che era senza fissa dimora, aveva precedenti penali, con il permesso di soggiorno scaduto e non più rinnovato, e inoltre era appena uscito dal carcere dopo aver scontato una pena per droga.

 

Di fronte ai poliziotti il tunisino ha tenuto un atteggiamento di sfida e li ha minacciati per il loro intervento.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×