20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018temporale e schiarite

20 giugno 2018

Treviso

Autista scuolabus denunciato per percosse e minacce a bambino

I genitori del minore, di origini straniere, si sono rivolti alla magistratura

commenti | (6) |

TREVISO - L'autista di uno scuolabus è stato denunciato per lesioni dai genitori di un bambino di 11 anni, di origine straniera, il quale, secondo alcune testimonianze, avrebbe subito percosse e minacce da parte dello stesso conducente.

 

L'uomo, secondo quanto emerso dai racconti alla base della denuncia, si sarebbe indispettito dalla turbolenza del ragazzino nel corso di un viaggio fra scuola e casa, una decina di giorni fa. Sempre sulla base di quanto sostenuto dai denuncianti, lo avrebbe colpito alla schiena quindi trascinato all'esterno del mezzo dove, avvicinandogli il viso al vano motore, avrebbe minacciato di ustionargli il viso, insultandolo a causa della sua origine.

 

Il giovane avrebbe riportato lesioni giudicate guaribili in sette giorni. La denuncia alla magistratura è stata fatta dal legale della famiglia del minore.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Non credo che un uomo arrivi a tanto anche se i giovani d'oggi ti spingono alle cose più assurde con i loro comportamenti incivili.... Comunque se io avessi infastidito l'autista del pulmino ne avrei bruscate anche da mia mamma....Ora si difendono i figli anche se hanno torto....e pure legalmente! Mah! Sono i tempi che cambiano. Preciso che sull'educazione metto tutti sullo stesso piano.

segnala commento inopportuno

Hai un figlio loscontento? Se no spero che ne avrai uno e non ti capiterà mai una cosa del genere.

segnala commento inopportuno

anzie due...
E sinceramente concordo con lo scontento caro Silian perchè stiamo esagerando con questa iperprotezione e diritti.
Manca il rispetto e l'educazione e gli insegnamo pure a poterselo permettere.
Ovvio che il gesto dell'autista non è da elogiare, ma credo che prima di arrivare li (anche se dubito parecchio di una cosa simile raccontata da un bambino) il bambino abbia veramente esagerato.
E sai cosa succede? che adesso sa che può esagerare ancora di più perchè quello che ci rimette non è lui.
Mio figlio giusto ieri e tornato a casa dicendomi che in gita alla fattoria didattica ha preso uno scopelloto dal fattore ma non sono andato a denunciarlo gli ho risposto che forse non ha rispettato delle regole!!!!
E sai cosa mi ha detto stamattia? che voleva vedere a tutti i costi una cosa quando i suoi compagni stavano andando da un'altra parte, la maestra lo aveva chiamato e il fattore glia veva detto di non passare da quella parte perchè non si poteva...

segnala commento inopportuno

Sono padre. Se mio figlio farà uscire di testa il suo pulminista, i primi ad aver fallito siamo io e mia moglie.
Sulla reazione eccessiva dell'autista è tutta da verificare....Ovvio che se confermata va punita.

segnala commento inopportuno

I bambini NON SI TOCCANO.
Ci sono modi e modi ma un adulto che tocca e minaccia un bambino merita solamente la galera o quantomeno una multa che gli ricorderà per molti molti anni che quanto fatto non è giustificabile.

segnala commento inopportuno

Forse l' autista avra' esagerato ma i commenti degli accusatori dello stesso autista mi fanno paura e denotano il" degrado mentale" cui siamo precipitati, cosa centra pol pot, hitler, pinochet con un ragazzino maleducato, allora metteteci anche stalin o kim yon cui una certa classe politica italiana amava scambiare visite politiche.
Ripeto cosa centra tutto questo con un cafone, i bambini cafoni non toccano ha scritto uno, giusto ma si fanno scendere dal pulmino anche se tempesta, signori padri e' questo il futuro dell' italia cui state avviando i vostri figli, provate a chiedere agli autisti della atm che ogni giorno ne trasportano a centinaia che esempi di educazione si trovano a bordo, ai miei tempi, nonun secola fa, si andava a scuola a piedi sotto la pioggia e la neve e si dava del lei anche al bidello e quandoho fatto le superiori ilbigliettaio del pulman non esitava a lasciarti a piedi se una volta che ti aveva richiamato continuavi.
Andate in germania o svizzera.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×