25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Conegliano

Auto travolge e uccide un podista

L’incidente a Gaiarine. La vittima è il 45enne Gianni Bressan

commenti |

GAIARINE – Podista travolto e ucciso da un’auto a Gaiarine. L’incidente si è verificato intorno alle 19 in via Belcorvo, per l’uomo non c’è stato nulla fare: è morto praticamente sul colpo. La vittima era vestita in tenuta da jogging e non aveva con sé i documenti, per questo c’è voluto tempo per identificarlo. In serata al podista è stato dato un nome: si tratta di Gianni Bressan, 45enne di Orsago, imprenditore agricolo e maratoneta.

 

L’uomo era uscito di casa per la solita corsa serale intorno alle 18 e mentre percorreva quella via che faceva parte del suo consueto itinerario di corsa è stato centrato in pieno da una Chevrolet Lancetti guidata da un 40enne coneglianese che ha dato subito l’allarme.

Dopo l’impatto con l’auto il podista è finito in un fossato che costeggia la strada. Al loro arrivo i sanitari del 118 e i vigili del fuoco non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Da chiarire che cosa sia accaduto con esattezza: al momento dell’impatto pioveva e l’automobilista potrebbe non essersi reso conto della presenza del podista.

 

Gianni Bressan non era sposato e viveva con la madre. Faceva parte del team Atletica Aviano, squadra con cui aveva partecipato a numerose maratone. Tutti lo ricordavo come uno sportivo e un gran lavoratore. La notizia della tragedia, che in serata si è diffusa in zona, ha lasciato nel dolore e nello sconcerto quanti lo conoscevano.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×