27/06/2017temporale e schiarite

28/06/2017temporale forte

29/06/2017piovaschi e schiarite

27 giugno 2017

Montebelluna

Banche venete: Bce, fabbisogno è di 6,4 miliardi

La cifra potrebbe scendere nel corso delle contrattazioni fra organismi europei e italiani

commenti |

MONTEBELLUNA - E' di 6,4 miliardi di euro il fabbisogno complessivo di capitale calcolato dalla Bce per la Popolare di Vicenza e per Veneto Banca. I due istituti avevano già avanzato una loro stima, che ammontava a 4,7 miliardi, presentando i piani industriali per la fusione in un'unica banca. Il fabbisogno individuato dalla Bce (3,3 miliardi per Vicenza e 3,1 per Montebelluna) è quello massimo, calcolato sulla base dello scenario avverso dello stress test di luglio 2016: la cifra potrebbe scendere nel corso delle contrattazioni fra organismi europei e italiani. L'ammontare è stato comunicato da Francoforte al Tesoro.

 

Nella lettera, la Bce ha confermato che i due istituti hanno le caratteristiche di solvibilità per accedere alla ricapitalizzazione precauzionale. Sia per Veneto Banca sia per Banca Popolare di Vicenza - hanno spiegato i due istituti comunicando il contenuto della lettera di Francoforte - è in corso il confronto fra Tesoro e Commissione europea per "avviare formalmente il processo di ricapitalizzazione precauzionale", che permetterà allo Stato di entrare nel capitale delle venete, mettendole così al sicuro dal rischio fallimento.

I 6,4 miliardi saranno infatti colmati per la gran parte dallo Stato e in parte dai possessori di subordinati, che vedranno convertiti i loro titoli in azioni, salvo poi poter accedere a un 'risarcimento'. In attesa della definizione di questo processo, per far fronte all'immediata crisi di liquidità, le due banche hanno presentato richiesta di garanzia statale per emettere bond: 2,2 miliardi la Popolare di Vicenza e 1,4 miliardi Veneto Banca. 

 

Nel giorno della definizione del fabbisogno di capitale, Cattolica ha divorziato da Popolare di Vicenza nella bancassicurazione: la compagnia di Verona ha annunciato l'uscita dalle tre società create in joint venture con la popolare in scia all'alleanza commerciale del 2007 e presenta a Vicenza un conto per 186,1 milioni, valore attuale dell'esercizio di vendita (put), oltre a 8,6 milioni di penali per il mancato raggiungimento degli obiettivi di produzione e redditività delle tre compagnie.

Parallelamente la Banca Popolare di Vicenza ha avviato il collocamento del 6% circa di Cattolica Assicurazioni attraverso un accelerated book building. In vendita sono state poste 10,5 milioni di azioni Cattolica ad un prezzo compreso tra 7,15 e 7,25 euro ad azione. Il collocamento si chiuderà domani. Popolare di Vicenza è il primo azionista di Cattolica con una quota del 15% del capitale.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×