21/05/2018parz nuvoloso

22/05/2018temporale e schiarite

23/05/2018possibile temporale

21 maggio 2018

Montebelluna

Banche venete: Bce, fabbisogno è di 6,4 miliardi

La cifra potrebbe scendere nel corso delle contrattazioni fra organismi europei e italiani

commenti |

MONTEBELLUNA - E' di 6,4 miliardi di euro il fabbisogno complessivo di capitale calcolato dalla Bce per la Popolare di Vicenza e per Veneto Banca. I due istituti avevano già avanzato una loro stima, che ammontava a 4,7 miliardi, presentando i piani industriali per la fusione in un'unica banca. Il fabbisogno individuato dalla Bce (3,3 miliardi per Vicenza e 3,1 per Montebelluna) è quello massimo, calcolato sulla base dello scenario avverso dello stress test di luglio 2016: la cifra potrebbe scendere nel corso delle contrattazioni fra organismi europei e italiani. L'ammontare è stato comunicato da Francoforte al Tesoro.

 

Nella lettera, la Bce ha confermato che i due istituti hanno le caratteristiche di solvibilità per accedere alla ricapitalizzazione precauzionale. Sia per Veneto Banca sia per Banca Popolare di Vicenza - hanno spiegato i due istituti comunicando il contenuto della lettera di Francoforte - è in corso il confronto fra Tesoro e Commissione europea per "avviare formalmente il processo di ricapitalizzazione precauzionale", che permetterà allo Stato di entrare nel capitale delle venete, mettendole così al sicuro dal rischio fallimento.

I 6,4 miliardi saranno infatti colmati per la gran parte dallo Stato e in parte dai possessori di subordinati, che vedranno convertiti i loro titoli in azioni, salvo poi poter accedere a un 'risarcimento'. In attesa della definizione di questo processo, per far fronte all'immediata crisi di liquidità, le due banche hanno presentato richiesta di garanzia statale per emettere bond: 2,2 miliardi la Popolare di Vicenza e 1,4 miliardi Veneto Banca. 

 

Nel giorno della definizione del fabbisogno di capitale, Cattolica ha divorziato da Popolare di Vicenza nella bancassicurazione: la compagnia di Verona ha annunciato l'uscita dalle tre società create in joint venture con la popolare in scia all'alleanza commerciale del 2007 e presenta a Vicenza un conto per 186,1 milioni, valore attuale dell'esercizio di vendita (put), oltre a 8,6 milioni di penali per il mancato raggiungimento degli obiettivi di produzione e redditività delle tre compagnie.

Parallelamente la Banca Popolare di Vicenza ha avviato il collocamento del 6% circa di Cattolica Assicurazioni attraverso un accelerated book building. In vendita sono state poste 10,5 milioni di azioni Cattolica ad un prezzo compreso tra 7,15 e 7,25 euro ad azione. Il collocamento si chiuderà domani. Popolare di Vicenza è il primo azionista di Cattolica con una quota del 15% del capitale.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×