25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Nord-Est

Il barista gli rifiuta una birra e lui sfonda il bar con il furgone

Arrestato per tentato omicidio

commenti |

Sfonda bar per una birra

PADOVA - Dopo una lite con il barista ha sfondato con un furgone la vetrina di un locale di Padova, rischiando di travolgere gli avventori, e per questo Mercedes Seferovic, 23 anni, è stato arrestato per tentato omicidio, rissa aggravata, danneggiamento e lesioni. La squadra Mobile di Padova, dopo aver raccolto le testimonianze dei presenti, ha ammanettato il giovane nomade, già noto alle forze dell'ordine, che alle prime ore di ieri si è reso protagonista di un'azione che avrebbe potuto portare a più gravi conseguenze.

La 'colpa' dell'esercente è stata quella di non servire una birra all'indagato e ad alcuni suoi amici, tutti in evidente stato di alterazione alcolica. Dopo aver aggredito alcuni avventori, infatti, Seferovic e i suoi amici sono usciti fuori dal locale e sono tornati alla guida dei rispettivi veicoli. Seferovic, al volante di un furgone, incurante della presenza di alcune decine di clienti all'ingresso del locale, si è scagliato a tutta velocità contro la vetrina del locale infrangendola completamente e rischiando di investire i presenti che solo all'ultimo secondo sono riusciti a scansarsi. L'uomo è poi è fuggito, mentre la squadra Mobile patavina avviava le indagini che si sono concluse nella notte con il suo arresto nella propria abitazione.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×