16 settembre 2019

Vittorio Veneto

BATTAGLIA SU MUSEI E BIBLIOTECHE

Giovedì se ne discute in consiglio comunale

Claudia Borsoi | commenti | (6) |

Vittorio Veneto - Continua il dibattito politico in tema musei (e aggiungiamoci  questa volta anche la biblioteca) che da settimane vede i diversi schieramenti politici di maggioranza e opposizione confrontarsi.

Giovedì sera, in occasione del consiglio comunale, fissato per le ore 20.00, la "battaglia" su musei e biblioteche sarà all'ordine del giorno.

Il consigliere comunale Alessandro De Bastiani si augura che in questa seduta l'assessore De Bertolis possa dare finalmente una risposta alla città, le cui strutture dedicate alla cultura, in particolare musei e biblioteche, un tempo fiore all'occhiello, ora sono abbandonate.

La causa di questa degenerazione? "Da quando il Dottor Vittorino Pianca è andato in pensione, biblioteca e musei sono rimasti senza un dirigente" spiega Alessandro De Bastiani. "Come si può pensare che 12 musei, una biblioteca comunale e una biblioteca di quartiere possano essere governate senza un responsabile del settore?. Mi auguro" continua De Bastiani "che giovedì l’assessore De Bertolis dia una risposta alla città e che finalmente annunci che sarà indetto il bando per l’assunzione del direttore dei musei e della biblioteca".

Senza la nomina di un nuovo direttore dei musei, assicura De Bastiani, si arriverà al "depauperamento del patrimonio storico e culturale della città".

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Parla al consiglier comunal e paron del giornal e nesun o quasi i o bada.
Invece co ciacola Bastanzetti tutti i ghe va' drio.
Robe da matti.

segnala commento inopportuno

Mi par di capire che l’Anonimo qui sotto attende con ansia il mio commento. Non sia mai ch’io neghi una buona parola a chi cerca la verità. Il De Bastiani ha ragione. L’organizzazione museale a Vittorio fa acqua (anche in senso letterale) da tutte le parti. La Biblioteca era in emergenza già 15 anni fa. E questi campioni padanoceltici di che cosa si preoccupano? Ma della bretella, naturalmente! Michele Bastanzetti

segnala commento inopportuno

Egregio Bastanzetti Ella è un pollo, non avevo assolutamente l'idea di provocare il suo ennesimo intervento, ma tanto vale Ella non sa resistere.
Per essere più chiaro, speravo che la mia provocazione dialettale soprastante provocasse altri interventi esclusivamente sui musei, invece l'unico ad intervenire il padanoceltico (non tradisca le sue origini) di Bastian Contrario.
Adesso si scateni pure su questo anonimo ombraiolo.

segnala commento inopportuno

Aderisco volentieri alla sollecitazione dell’ anonimo e sottostante ombraiolo. Iersera, mentre l’ ombraiolo suddetto colloquiava col calice padanoceltico, ero dunque in consiglio comunale a sentire il dott. De Bertolis. Egli, se sfrondiamo il suo intervento dalla consueta cornice pindarica (98% del totale), ha confermato la grave crisi del sistema museale cittadino che a quanto dice è un sistema assai costoso rispetto al ritorno di visitatori. A fronte di questa situazione qual è il piano di rilancio? BOOOH… Non solo, ha confermato che NON intende recarsi a Roma a proporre-sollecitare alcunché in previsione del 100° della Vittoria perché ciò gli par come atto d’accattonaggio verso il potere centrale. Eppure per il cinquantesimo Romaladrona ci regalò palazzetto e piscine! Eppure a Roma siede chi governa in comune, provincia e regione; non dovrebbe essere così umiliante andarci a parlare. “Fino a quando, o pigro, starai coricato e quando sorgerai dal tuo sonno?” (dal Libro dei Proverbi 6,9-11) Michele Bastanzetti

segnala commento inopportuno

egr. Bastanzetti, quella dell'EX-Assessore alla Cultura è pigrizia cioè solo lentezza nell'operare ? Chissà.
Veda, come pensare che una persona colta come l'assessore in questione possa lasciarsi sfuggire l'Agro-Centuriato di Ceneda (occasione stupenda per far accorrere archeologi, studenti, studiosi della romanità e cultori da tutt'Europa), lasciarsi sfuggire un Museo che altri ci invidiano e insieme mendicare qualcosa per il Da Ponte e per le attività culturali ?
Forse le scelte del "pigro" sono ricatti e partono da più lontano, ad esempio dalle "grave" del Piave, dove tante grosse macchine automezzi scavano & scavano lungo in greto del Fiume e poi tanti camion corrono per portare l'ORO-inerte laddove stanno sorgendo come funghi case, grigi palazzi e anonimi centri commerciali ecc.ecc.ecc.
Lei che può, suggerisca al colto assessore di affrancarsi da questa Giunta.


segnala commento inopportuno

Michele De Bertolis il più vittoriese degli assessori conferma ancora una volta la sua natura di "grande traditore" della città.
Egli, è noto, aspira alla massima carica cittadina e per raggiungere il suo scopo anzichè schierarsi dalla parte dei vittoriesi supino ostenta atti di grande "fedeltà padana".

Peccato che lui comunque non vada a vanti e la città invece va sempre più indietro.

Un vero vittoriese.

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×