21/07/2018possibile temporale

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Benetton ne fa di tutti i colors

Categoria: Notizie e politica - Tags: Benetton, Toscani, Toni Da Re, salvini, infradito Benetton blu con zeppa

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti |

Qualche giorno fa mi sono incazzata di blu contro Benetton. Contro tutta l'azienda, sì. Perché quando uno/a è incazzato/a non è che seleziona. 

E se uno/a deve inveire contro Benetton, tanto vale prenderlo di mira tutto: il marchio è talmente colossale che si 'rischia' di andare a segno anche se non si è tiratori scelti.

 

Mi ero incazzata (be', lo sono ancora) perché - cedendo agli ammiccamenti di una vetrina - avevo comperato delle infradito Benetton con la zeppa blu. Le ho indossate al mare. Ho percorso cento metri dall'auto alla spiaggia, e ritorno. Duecento metri di tortura. Quando sono salita sulla macchina avevo i piedi che sanguinavano. Le fascette delle infradito mi avevano procurato delle lesioni. Le piaghe erano talmente profonde che ci ho messo due settimane a sanarle.

Le ho persino fatte vedere al medico (vabbe', l'avevo incontrato per caso in via Cavour mentre portava a spasso il cane).

Nel frattempo mi ero fotograta i piedi e avevo mandato documentazione del macello al Servizio reclami Benetton. La prima mail non ha ricevuto subito risposta. La seconda, la terza, la quarta, sì. Visto il dolore che avevo provato, visto che la ferita stentava a rimarginarsi, visto che mi trovavo nell'impossibilità di indossare le mie solite sneackers, avevo chiesto il ritiro del prodotto nocivo dal mercato: un martire bastava a bocciare un paio di ciabatte no? Soprattutto se quel martire ero io!

Benetton ha fatto... orecchie da mercante. Il Servizio reclami mi ha consigliato di riportare il prodotto al negozio dove l'avevo acquistato e di farmelo sostituire con un altro. Ho urlacchiato-via-mail che non volevo altre stramaledette infradito, che non volevo un altro prodotto, che non volevo nemmeno essere risarcita: volevo 'solo' il ritiro dal mercato delle infradito assissinapiedi. La risposta del Servizio reclami alla mia penultima mail è stata: "...siamo lieti che i nostri rivenditori le abbiano fornito tutta l'assistenza necessaria e che abbiano provveduto a darle una soluzione soddisfacente."

Soddisfacente? 

 

Appurato che Benetton non conosce (o finge di) il significato della parola soddisfacente, stavo pensando a quale boicottamento anti-infradito Benetton mettere in atto quando è arrivato Toscani. Lui e la sua campagna coi profughi sui gommoni, targata United Colors of Benetton, hanno (di nuovo! come ai bei tempi!) sollevato un tale polverone di hate che la mia incazzatura si è polverizzata, le cicatrici sui miei piedi hanno quasi sorriso.

Ora che i big (Salvini-si-salvi-chi-può o il nostro Toni Da Re) hanno minacciato di non comperare mai più un prodotto Benetton, mica posso accodarmi! Rischio di essere scambiata per una leghista se mi scaglio contro l'azienda di Ponzano. Rischio di ricevere un'etichettatura politica solo perché invito a non comprare le massacranti infradito Benetton! 

E' un dilemma non facile. 

L'Italia chiude i porti ai disperati, Salvinisisalvichipuò ieri ha minacciato di censimentare i nomadi e chissà oggi che si fa venire in testa...No. Non posso permettermi di ragionare coi piedi. E spero non lo faccia nemmeno Benetton. O Toscani. 

 



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×