25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

27/06/2017piovaschi e schiarite

25 giugno 2017

Politica

Blitz anti-vitalizi, 42 deputati M5S puniti: sospensioni fino a 27 giorni

commenti |

42 deputati sanzionati, con punizioni che vanno dai 5 ai 15 giorni di sospensione. E' il bollettino diramato dall'Ufficio di Presidenza di Montecitorio, che ha deciso di 'stangare' i parlamentari M5S che lo scorso 22 marzo hanno dato vita alla protesta anti-vitalizi sia in Aula durante il question time sia all'esterno dell'Ufficio. Gli episodi contestati ai grillini sono due: la protesta con tanto di cartelli che ha avuto luogo in Aula, in diretta tv, durante il question time e il tentativo di irruzione nell'Ufficio di Presidenza, mentre si votava la proposta dell'esponente dem Marina Sereni sui vitalizi a scapito di quella targata M5S. La pena massima (15 giorni di sospensione) è toccata ai 19 parlamentari che hanno tentato di forzare il cordone formato dagli assistenti parlamentari (4 dei quali hanno dovuto fare ricorso a cure mediche). Tra i grillini colpiti da questo provvedimento figurano Alessandro Di Battista, Giorgio Sorial e Danilo Toninelli. Un "fatto senza precedenti", spiegano i membri dell'Ufficio, che rappresenta "un serio attentato al confronto e allo svolgimento delle funzioni istituzionali", reso ancor più grave "dalle modalità aggressive" con cui è stata condotta la protesta. Ai 17 deputati che si sono radunati in corridoio all'esterno dell'Ufficio - tra cui Vincenzo Caso, Fabiana Dadone, Giulia Grillo e Sergio Battelli - sono stati comminati 5 giorni di sospensione.

Per quanto riguarda la protesta in Aula, a 29 deputati sono stati dati 10 giorni di stop, mentre per i 4 pentastellati che si sono avvicinati ai banchi della Presidenza esponendo i cartelli #SiTengonoIlVitalizio la pena sale a 12 giorni. Complessivamente il numero dei sanzionati ammonta a 42 parlamentari, alcuni dei quali hanno ricevuto una doppia punizione per un totale di 27 giorni (si tratterebbe di Giorgio Sorial, Gianluca Vacca e Giuseppe L'Abbate). Le sanzioni - votate da tutti i membri dell'Ufficio di Presidenza a eccezione del 5 Stelle Riccardo Fraccaro - non partiranno in contemporanea, ma sono state suddivise in tre gruppi da 14 parlamentari: la prima 'tranche' scatterà il 6 aprile, la seconda il 17 maggio e la terza il 22 giugno, in modo da non compromettere la presenza in Aula dei 5 Stelle durante la discussione sul biotestamento.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×