15 settembre 2019

Italia

Brindisi, ergastolo a Vantaggiato

I giudici: "Fu strage terroristica"

commenti |

BRINDISI - La Corte di Assise del Tribunale di Brindisi ha condannato alla pena dell'ergastolo Giovanni Vantaggiato, imputato reo confesso dell'attentato esplosivo davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi, in cui il 19 maggio dell'anno scorso morì la studentessa 16enne Melissa Bassi.

I giudici hanno riconosciuto, come aveva chiesto l'accusa, l'aggravante della finalità terroristica al reato di strage . ''E' stata riconosciuta la nostra impostazione'', ha detto il procuratore capo della Dda di Lecce Cataldo Motta.

Nell'aula 'Metrangolo' della Corte di Assise del Tribunale di Brindisi c'era anche Rita Muri, la madre di Melissa Bassi. Insieme a lei il marito Massimo Bassi. "E ' stata fatta un minimo di giustizia anche se qualsiasi giustizia è sempre minima per quello che ha fatto, una cosa che non si può descrivere" ha detto la mamma di Melissa. "Ringraziamo le persone che ci sono state vicine da tutta Italia", ha aggiunto. E inoltre la signora Bassi ha ringraziato i giudici e le Procure che hanno lavorato al caso. Infine ha ricordato il carattere "allegro" della figlia e la puntigliosità e il profitto del suo impegno a scuola. "Non ce la riporterà più nessuno", ha concluso.

La Corte di Assise di Brindisi oltre alla pena dell'ergastolo ha comminato condannato Vantaggiato a 18 mesi di isolamento diurno. Inoltre ha stabilito un risarcimento danni di 400mila euro ciascuno per i genitori di Melissa, di 200mila euro ciascuno per le cinque ragazze ferite in modo più grave, 200mila euro per la Regione Puglia e 100mila per una sesta ragazza ferita. I genitori di Melissa hanno confermato che il denaro verrà devoluto in beneficenza.

Presenti in aula anche alcune delle ragazze che rimasero ferite, due delle quali indossano una maglietta con il volto di Melissa, nella quale si reclama giustizia per la loro amica. Subito dopo la lettura della sentenza, le ragazze ferite nell'attentato si sono abbracciate piangendo.

(Adnkronos/Ign)

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×