27/07/2017sereno con veli

28/07/2017quasi sereno

29/07/2017quasi sereno

27 luglio 2017

Treviso

Cà Foncello, nuovo caso di meningite da pneumococco

Ricoverato da questa mattina un 48enne

commenti |

TREVISO - La direzione sanitaria dell'Azienda Ulss 2 Marca Trevigiana ha reso noto che da questa mattina, 14 febbraio, è ricoverato presso l’ospedale Ca' Foncello di Treviso un paziente di 48 anni che si è rivelato affetto da meningite da pneumococco. Il paziente è giunto al Pronto Soccorso del Ca' Foncello in prima mattinata ed in seguito è stata portata a termine la tipizzazione e l'identificazione del ceppo dalla microbiologia. Ora si trova ricoverato presso il reparto di malattie infettive e il quadro clinico è stazionario.

La direzione conferma che la meningite da pneumococco, a differenza di altri tipi di meningite, non dà origine a focolai epidemici. Per questo motivo non richiede nemmeno interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti stretti. Si presenta con casi isolati durante tutto l'anno, prevalentemente in inverno e primavera.

"Ci rendiamo conto che la serie di coincidenze di questi ultimi giorni possano generare apprensioni nei cittadini non facilitano la tranquillità di molti - sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi -. Da parte dell’azienda sanitaria c'è il massimo dell'attenzione. Quest'anno, l'influenza stagionale è stata eccezionalmente aggressiva. Alcuni casi possono essere conseguenze di complicazioni della stessa sindrome influenzale. Stiamo seguendo tutti i casi molto attentamente ed i cittadini troveranno da parte nostra ogni giusta e adeguata risposta".

"Ribadisco che, per qualsiasi dubbio, il cittadino può rivolgersi tranquillamente anche al proprio medico di famiglia. Come abbiamo detto più volte, I professionisti della medicina generale e della continuità assistenziale, infatti, hanno tutte le competenze necessarie per dare una risposta appropriata”.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×